Agave parryi

L'Agave parryi è una succulenta

Immagine - Wikimedia / Zeynel Cebeci

Le agavi sono piante che vengono spesso coltivate in giardini asciutti. Resistono ugualmente sia alla siccità che al caldo estremo, che può raggiungere i 45-50ºC di temperatura. Ma di tutte le varietà che ci sono, Se ne cerchi uno meno conosciuto e che si distingua per il colore, ti consigliamo il Agave parryi.

Questa è una specie che puoi coltivare in un giardino roccioso, ad esempio, ma starà benissimo anche in un grande vaso. L'unica cosa negativa che si può dire di questa pianta è che fiorisce solo una volta nella sua vita e poi muore, ma passano alcuni anni prima che arrivi il momento.

Origine e caratteristiche di Agave parryi

L'Agave parryi è una succulenta

Immagine - Wikimedia / Krzysztof Golik

El Agave parryi, popolarmente noto come maguey o agave, è una specie di crasso che cresce negli Stati Uniti e in Messico. Le foglie crescono in rosette, e sono molto dure, con margini spinosi. Queste spine sono corte sul margine, ma ne hanno una più lunga sulla punta o sull'apice. Come abbiamo anticipato, fiorisce una volta prima di morire, producendo uno stelo floreale alto fino a 3 metri, dal quale spuntano grappoli di fiori gialli.

È una pianta grigio-verde, colore che contrasta molto bene con il nero delle sue spine. Ecco perché è l'ideale per rompere un po' con il monocromo che di solito esiste nei giardini.

Come ti prendi cura di te stesso?

È una specie molto resistente, adatta ai principianti, e per quelle persone che non hanno tempo per prendersi cura di piante esigenti. Ma tieni presente che è molto sensibile all'acqua in eccesso, motivo per cui è importante che venga piantato in terreni leggeri che si asciughino rapidamente.

Inoltre, se scegli di averlo in un vaso, devi trovarne uno abbastanza grande da poter continuare a crescere, altrimenti resterà piccolo. In ogni caso, di seguito spiegheremo come prendersi cura del Agave parryi:

Posizione

Ha bisogno di molta luce; è più, deve essere coltivato in un luogo soleggiato, fin dalla tenera età. Anche le piantine possono essere tenute al sole. Le agavi, tutte, compresa la nostra protagonista, hanno bisogno di essere alimentate direttamente durante tutta la giornata, o almeno mezza giornata. Solo così la tua pianta crescerà bene.

Se hai intenzione di tenerlo in giardino, mettilo in un luogo dove possa avere un corretto sviluppo. Piantalo a circa 50 centimetri dal muro o dai muri e ad almeno 2-3 metri dagli alberi. In questo modo lo farai crescere dritto ed esposto al sole.

Terra

Agave parryi cresce lentamente

Immagine - Wikimedia / Diego Delso

  • In giardino: è una pianta che deve trovarsi in un terreno leggero e ben drenato. In quelli pesanti, l'acqua impiega più tempo a drenare, quindi rimangono bagnati più a lungo, che è proprio quello che fanno le radici del Agave parryi non vogliono. Pertanto, se il tuo terreno è così, cioè pesante, compatto e con tendenza ad allagare, devi fare una buca di piantagione profonda un metro per 50 centimetri di diametro, e poi aggiungere uno strato di 30-40 centimetri di argilla, ghiaia da costruzione o materiale simile. Quindi puoi piantarlo con terriccio per piante grasse e cactus.
  • In vaso: il supporto deve essere ugualmente leggero. Se trattiene l'acqua a lungo, sarà dannosa per le radici e, di conseguenza, anche per la pianta. Pertanto, consigliamo di mettere il terreno per le piante grasse (in vendita qui), o con una miscela di substrato universale con perlite in parti uguali. A proposito, la pentola deve avere dei buchi alla base in modo che l'acqua possa fuoriuscire.

irrigazione

El Agave parryi va annaffiato pochissime volte a settimana. In estate, essendo più caldo, si può annaffiare una o al massimo due volte, ma solo se il terreno è asciutto.. Ricorda che resiste molto bene alla siccità, ma non all'acqua in eccesso. Quindi, se abbiamo dei dubbi, il meglio che possiamo fare è aspettare ancora un po' prima di innaffiare la nostra pianta. Credimi: non gli succederà niente. Inoltre, anche se avesse sete non sarebbe un problema, perché quando lo reidratiamo si riprenderebbe subito.

Un caso molto diverso sarebbe per noi di annaffiarlo frequentemente. Allora le sue radici subirebbero danni irreversibili e, nei casi più gravi, sarebbe difficile recuperarlo. Pertanto, dobbiamo annaffiare solo occasionalmente.

Abbonato

E' possibile pagarlo con un fertilizzante per cactus e piante grasse (in saldo qui) seguendo le istruzioni sul prodotto. Il periodo ideale per farlo è dalla primavera alla fine dell'estate. Se vivi in ​​una zona dove non ci sono gelate o sono molto deboli, fino a -2ºC, puoi continuare a concimare in autunno.

Moltiplicazione

Moltiplicato per semi o per separazione di giovane. Questi ultimi germogliano quando la pianta madre sta morendo, al momento della fioritura o poco dopo, quando i fiori stanno appassindo.

Parassiti e malattie

È molto duro. Infatti, nessuno è noto. Ma se innaffi troppo, potresti finire per cadere vittima di funghi patogeni. In questo caso sarebbe necessario distanziare le irrigazioni e trattare con un fungicida che contenga rame (in vendita qui).

Rusticità

Resiste bene alle gelate fino a -15ºC. Ma se l'esemplare è giovane è meglio proteggersi un po'.

L'Agave parryi è una succulenta dalle foglie grigie

Immagine - Wikimedia / Diego Delso

Cosa ne pensi del file Agave parryi?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.