Aloe a spirale (Aloe polyphylla)

L'aloe polyphylla è una succulenta media

Immagine - Wikimedia / J Brew

Se c'è una succulenta che attira molta attenzione, molto più di altre, quella è senza dubbio la specie Aloe polifilla. Conosciuta come aloe a spirale, è una pianta molto rara. È difficile da trovare in vendita, e quando lo è, viene venduto a un prezzo che può sembrare alto, poiché il suo tasso di crescita è lento e la sua coltivazione è complicata.

Conoscere i loro bisogni ti aiuterà ad avere qualche possibilità di portarli avanti, quindi poi vi parleremo di questa bellissima pianta.

Origine e caratteristiche di Aloe polifilla

L'aloe polyphylla cresce lentamente

Immagine - Wikimedia / brewbooks

El Aloe polifilla è un tipo di aloe originario del Lesotho (Africa meridionale). Cresce nei Monti Drakensberg, dove si possono registrare precipitazioni annuali di oltre 1000 mm. È noto come aloe a spirale, poiché la sua caratteristica principale è la disposizione a spirale delle sue foglie quando raggiunge l'età adulta (I giovani esemplari iniziano ad averli così a partire dai 2 anni circa). Queste foglie sono carnose, spinose (le spine sono innocue) e di colore grigio-verdastro; Appaiono nel numero 15-30.

L'infiorescenza di questa pianta, come quelle di tutte le aloe, è a forma di spiga. I fiori nascono da uno stelo floreale più o meno fitto, sono tubolari e hanno un bel colore rosa salmone.. I frutti sono secchi, anch'essi a forma di tubo, e contengono semi più o meno piatti e molto leggeri.

La dimensione di un esemplare adulto è di un metro di diametro, con un'altezza approssimativa di 50 centimetri.

È in pericolo di estinzione, sia per la sua forma curiosa, sia per quanto sia difficile prendersene cura.

Quali sono le cure di cui hai bisogno?

Se riesci ad acquisire una copia, la prima cosa che faremo è congratularci con te. In verità è difficile da trovare, e chi vende tende ad avere poche copie in vendita, il che significa che le scorte si esauriscono velocemente. Pertanto, devi essere un po' a conoscenza di quei vivai e / o negozi online, al fine di ottenerne uno.

Ma, una volta che ce l'hai, come te ne prendi cura? Bene, ti consigliamo di fornire queste cure:

Posizione

L'ideale è mettere il Aloe polifilla all'estero. Ma tieni presente che per stare bene, durante tutto l'anno, le condizioni devono essere:

  • Il posto deve essere luminoso; vale a dire, non dovrebbe essere messo in totale ombra, poiché la pianta non crescerebbe. Né consiglio di metterlo in pieno sole, e meno se ci si trova in una zona dove il grado di insolazione è alto (come la regione mediterranea o l'intera costa peninsulare).
  • Non deve esserci gelo, o se ci sono, metti l'aloe in una serra che la tenga protetta non appena le temperature scendono sotto i 10ºC.

Se coltivato in casa, è importante che sia collocato in una stanza luminosa, senza correnti d'aria. Ad esempio, un buon punto potrebbe essere vicino alla finestra, ma non proprio di fronte ad essa. Ruota il vaso ogni giorno, in modo che una parte non cresca più di un'altra.

Inoltre, se hai intenzione di coltivarlo in casa, è consigliabile mettere contenitori con acqua intorno. Questo è così che l'umidità intorno a te è alta. NON spruzzare / nebulizzare le foglie con acqua, poiché marciranno.

Terra

I fiori di Aloe polyphylla sono rossastri

Immagine - Wikimedia / brewbooks

Quando abbiamo piante grasse così delicate, che vivono in terreni sabbiosi e/o sassosi, il miglior terreno che potremo mettere in campo sarà, ad esempio:

  • 100% pomice
  • 70% pomice + 30% akadama
  • 60% ghiaia da costruzione (grana 1-3 mm di spessore) + 40% torba nera
  • 50% torba nera + 50% perlite

Quale scegliere? Beh, dipenderà molto dal tempo. Per darvi un'idea, in una zona secca con un forte grado di insolazione, temperature superiori ai 20ºC in estate e con siccità prolungate, è importante che il substrato rimanga umido per qualche tempo (ore, qualche giorno), poiché se no, il l'acqua evaporerà così rapidamente che le radici non la assorbiranno. Pertanto, in queste condizioni l'ultima opzione (50% torba nera + 50% perlite) sarebbe l'ideale.

Al contrario, se piove spesso nella tua zona, o ti trovi in ​​un luogo dove l'umidità è già alta (ad esempio, se ti trovi su un'isola o vicino al mare), ti consigliamo vivamente una delle prime tre opzioni.

irrigazione

L'irrigazione è complicata. Nel suo luogo di origine cadono circa 1000mm di precipitazioni all'anno, tanto che da soli possiamo già intuirlo devi andare ad annaffiare Aloe polifilla di tanto in tanto. Ma è necessario evitare che la terra sia allagata, così come che rimanga asciutta per lungo tempo.

Quindi, per evitare problemi, dovrai controllare l'umidità prima di annaffiare di nuovo, per assicurarti che sia quasi asciutto. Se pensi che abbia bisogno di acqua, versala sul terreno, mai sulla pianta, e finché non sarà ben idratata.

Abbonato

Finché la temperatura rimane al di sopra dei 15ºC, si consiglia vivamente di concimare con un fertilizzante per cactus e altre piante grasse, seguendo le istruzioni per l'uso.

Moltiplicazione

El Aloe polifilla si moltiplica per semi in primavera o in estate. Per fare ciò, i semi devono essere seminati in un substrato che drena bene l'acqua, ma allo stesso tempo rimane umido per un po', come la vermiculite. Se hai intenzione di utilizzare questo substrato, inumidiscilo con acqua prima di riempire il letto di semina. In questo modo, poi, dovrai solo appoggiare i semi in superficie, interrandoli un po'.

Tieni il semenzaio all'esterno, con il substrato umido. Quindi, se tutto va bene, i primi germoglieranno in circa 10 giorni.

trapianto

Verrà trapiantato solo se le radici usciranno dai buchi del vaso, in primavera. Nel caso in cui il clima della tua zona sia caldo, senza gelate, e volessi piantarlo in giardino, è anche importante che prima radichi bene nel vaso, poiché in questo modo quando viene estratto da esso la radice palla non si sbriciolerà e, quindi, il Aloe polifilla riuscirai meglio a superare il trapianto.

parassiti

Devi stare attento con caracoles, poiché questi animali possono divorare le foglie.

Rusticità

Non sopporto il gelo. È una pianta che non dovrebbe essere esposta a temperature di 10ºC o inferiori.

Vista di Aloe polyphylla senza fiore

Immagine - Wikimedia / brewbooks

Speriamo che tu sia molto fortunato e che riesca a mantenerlo per molti anni.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.