Cereus Peruviano

Il Cereus peruvianus è un cactus colonnare

Cereus peruvianus f mostruoso

El Cereus Peruviano È un cactus colonnare che ha molto e al chiuso, ma in realtà è meglio averlo in una zona dove c'è più luce. Ha un ritmo di crescita lento ma non troppo, al punto che in un anno può crescere da 30 a 50 centimetri in più se ci sono le giuste condizioni, quindi è interessante coltivarlo in vaso capiente o, meglio, in suolo.

Non è un tipo di cactus impegnativo, ma bisogna cercare di non innaffiarlo troppo poiché è una pianta che l'acqua in eccesso causerebbe danni irreversibili.

Origine e caratteristiche di Cereus Peruviano

Il Cereus peruvianus è un grande cactus

Immagine - Wikimedia / Serge Melki

El Cereus PeruvianoAnche conosciuto come Cereus repandus o Cereus uruguayanus, è una pianta colonnare che può misurare fino a 12 metri di altezza. Sviluppa succulenti fusti verde-bluastri, cilindrici e ramificati alla sommità. Questi hanno tra le 5 e le 8 costole larghe, con areole da cui spuntano peli bianchi molto corti e piccole spine grigie grandi fino a 5 centimetri.

I fiori compaiono solo negli esemplari che hanno già raggiunto grandi dimensioni. Sono bianche sfumate di verde, e sono lunghe circa 15 centimetri. Appaiono in estate e sono notturni, il che significa che si aprono al tramonto.

Per produrre frutti ci vuole un altro esemplare. Se c'è e c'è l'impollinazione incrociata, dopo circa 40 giorni, che è quello che impiega più o meno a maturare, vedremo che i frutti sono rossi, privi di spine e misurano tra i 2 ei 5 centimetri di diametro. La polpa è commestibile, bianca e contiene i semi, che possono essere consumati anche nelle 24 ore successive.

Nel linguaggio popolare è conosciuto come cactus melo peruviano, cactus siepe, cactus candelabro, albero peruviano e persino cactus del computer poiché si credeva che assorbisse le radiazioni emesse dal computer. Ed è originario del Sud America, in particolare dei Caraibi occidentali.

Prendersi cura di Cereus Peruviano

Se vuoi sapere come prenderti cura di Cereus Peruviano, quindi la prima e più importante cosa che devi sapere è che, anche se sarà una pianta molto grande, evita di commettere l'errore di piantarlo in un vaso capiente fin dalla giovane età, poiché se è fatto rischiamo di perderlo per eccesso di umidità.

E detto questo, vediamo nel dettaglio che cura dobbiamo fornire per farlo durare... insomma, tutto quello che deve durare, che può essere anche più di 70 anni:

Posizione

È un cactus che va esposto alla luce del sole, ma solo se acclimatato. È un errore mettere una pianta alla luce diretta se è stata in ombra fino ad ora, poiché brucia rapidamente. Per questo motivo è necessario metterlo prima in mezz'ombra, e poi abituarsi gradualmente alla luce diretta.

Se deve essere coltivata indoor, è consigliabile posizionarla in una stanza anche molto luminosa, ma non proprio davanti alla finestra.

Terra

Cereus peruvianus è anche chiamato cactus del computer

Immagine - Wikimedia / Krzysztof Golik

  • Vaso di fiori: se hai intenzione di avere il tuo Cereus Peruviano in una pentola, devi assicurarti che il contenitore abbia dei buchi alla base. Come substrato, usa il terreno di cactus o mescola la torba con la perlite (in vendita qui) al 50%.
  • Giardino: il terreno deve avere un buon drenaggio. Se è pesante e tende a compattarsi molto, praticare un foro di circa 50 x 50 centimetri e riempirlo di pomice (in vendita qui).

irrigazione

Devi lasciare asciugare la terra tra le annaffiature. È un cactus che non supporta il ristagno, quindi se hai dei dubbi, controlla l'umidità del substrato prima di annaffiare.

Usa l'acqua piovana quando possibile o l'acqua in bottiglia.

Abbonato

Si consiglia di concimare con un fertilizzante per cactus, una volta alla settimana oppure ogni 15 giorni a seconda di quanto indicato sulla confezione del prodotto. I mesi ideali per questo sono la primavera e l'estate, poiché questo è il periodo in cui il cactus sta crescendo. Così, faremo in modo che stia bene e che cresca sano.

Moltiplicazione

El Cereus Peruviano si moltiplica per talea e seme in primavera, così:

  • Talee: bisogna tagliare un pezzo lungo circa 30 centimetri, e poi lasciarlo in un luogo asciutto e ombreggiato per una settimana. Trascorso questo tempo, piantalo in un vaso con pomice o terriccio di cactus di qualità, come questo.
  • semi: i semi vengono seminati in semenzai più larghi che alti, separati tra loro, con substrato per cactacee o specifico per semenzaio. Se tutto va bene, germoglieranno in circa due settimane.

trapianto

Il Cereus peruvianus è un cactus con spine

Immagine - Wikimedia / Duro4.

El trapianto Viene eseguita in primavera, ma solo se il cactus ha radicato bene; cioè, solo se le sue radici sporgono dai fori di drenaggio del vaso. In tal caso, verrà accuratamente rimosso e piantato in un vaso più grande di quello che già possiedi, o in giardino.

Rusticità

Resiste alle gelate fino a -4ºC, purché di breve durata e puntuali.

Hai un Cereus Peruviano?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.