Dove metti i cactus?

Campione di Rebutia heliosa

I cactus sono piante che, ogni volta che ci vengono in mente, le immaginiamo vivere come possono nel deserto sotto un sole cocente che sembra respingere le piogge. In queste condizioni, devono fare tutto il necessario per raccogliere la quantità di acqua di cui hanno bisogno e poter così sopravvivere e crescere. Ma nonostante, quelli che compriamo nei vivai di solito sono viziati, che è importante per loro essere belli e per le persone che li comprano.

Si controlla la temperatura, l'irrigazione, il compost, e se sono anche all'interno dello stabilimento o in serra, ovviamente sono anche protetti dal sole diretto. Queste condizioni sono molto diverse da quelle del luogo di origine. Tenendo conto di ciò, Dove metti i cactus?

Questa è una domanda molto frequente, soprattutto se non abbiamo mai avuto un cactus nelle nostre cure prima. Da una parte potremmo essere convinti che vogliano il sole diretto, e più ore dà loro meglio è; per altro non possiamo dimenticare che è pur sempre una pianta a cui non è mai mancato nulla, e quindi non ha mai avuto sete, fame, caldo o freddo. Significa che devono essere al chiuso?

No. Possono esserlo se sono posti in un'area dove ricevono molta luce dall'esterno, possono anche fiorire, ma idealmente sono all'esterno. La domanda è, dove?

Foto di dettaglio di una Mammillaria

I cactus da vivaio, come tutte le piante che provengono da lì, devono trascorrere un periodo di adattamento all'estero che ha una durata variabile che dipende sostanzialmente da ciascuna pianta. Consiste nell'abituarsi al sole diretto poco a poco e con regolarità, essendo il momento migliore per iniziare alla fine dell'inverno, quando le temperature iniziano a salire ma il sole non è ancora molto intenso.

Il »calendario» che ti consiglio di seguire è il seguente:

  • Primo mese: mettili in una zona dove il sole diretto darà loro un massimo di un paio d'ore, la mattina presto o il pomeriggio Se vedi che diventano un po' rosse, cioè che stanno bruciando, riduci il tempo a un'ora.
  • Secondo mese: in questi giorni dovresti dare loro una o due ore in più di luce.
  • Terzo mese: da questi giorni puoi regalarli tutta la mattina o tutto il pomeriggio.
  • Quarto mese: ora puoi regalarli tutto il giorno. Ma attenzione, ci sono alcuni cactus che dovrebbero essere protetti dal sole nelle ore centrali della giornata, come Copiapoa o Parodia.

Cosa fare in caso di gelo? Proteggili a casa. I cactus non resistono alla grandine o alle nevicate, quindi se viviamo in una zona dove di solito si verificano questi fenomeni meteorologici, è necessario che li mettiamo o all'interno della casa, o in una serra.

Se hai qualche dubbio, non lasciarlo nel calamaio. Domanda 🙂.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

9 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Ximena suddetto

    Ciao, ho un cactus che nella zona più vicina alla terra sembra virare dal giallo al marrone chiaro, dove vivo è molto umido e lo innaffio una volta alla settimana, ma non so cosa da fare, è un'opuntia ficus indica, grazie in anticipo

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao, ximena.
      Che tipo di terreno trasporta? Nei climi umidi, l'ideale è piantare cactus e altre piante grasse nella sabbia vulcanica, come pomx o akadama, o anche sabbia di fiume.

      Detto questo, consiglio di annaffiare meno, ogni 10 giorni circa.

      Saluti.

  2.   laura suddetto

    buona,
    Sono tornato da 10 giorni di vacanza e ho trovato il mio cactus morbido e già un po 'di lato (luglio in un paese di Toledo), l'ho annaffiato il giorno prima di partire e precedentemente non lo annaffiavo da 15 giorni ( a causa di perdite precedenti ho scoperto cosa mi succede prima).
    Dopo aver letto penso che possa essere a causa delle condizioni di oscurità che lasciano la stanza, quando fa caldo a casa.
    posso riaverlo indietro? Che cosa posso fare?

    Grazie mille per il tuo aiuto

  3.   Rugiada suddetto

    Buona giornata. Avevo un cactus in casa che tenevo vicino alla finestra dove splendeva il sole, poi l'ho cambiato in un altro posto, ho fatto un cambio di terreno ma ha cominciato a diventare molle e piegato, ho dedotto che era mancanza di sole, L'ho portato a casa e l'ho messo al sole ma ora sta diventando rosso, o altre parti stanno perdendo il loro colore verde... potrei averci fatto l'abitudine? Per favore aiuto :'(

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Rocio.

      Il fatto che stia diventando rosso è proprio del sole. Il mio consiglio è di abituarti a poco a poco e gradualmente.

      Visto che si ammorbidisce, ogni quanto lo annaffi? Devi lasciare asciugare completamente il terreno prima di annaffiare di nuovo, e metterlo in un vaso forato in modo che l'acqua possa uscire.

      In caso di dubbi, contattaci.

      Saluti!

  4.   Pamela suddetto

    Ciao! Ho i cactus e li ho sempre lasciati nel telaio della finestra all'esterno, tra il tessuto e la finestra. Si mantengono molto bene in quel posto, prendono la luce del sole al mattino e l'ombra al pomeriggio. Li innaffio una volta alla settimana.

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Pamela.
      In linea di massima sì, ma se vedi che iniziano a torcersi è perché hanno bisogno di più luce.
      Saluti.

  5.   lorena suddetto

    Ciao . il mio cactus si è raggrinzito e non è la prima volta che mi succede.. è »morbido» perché? e un altro invece è tutto marrone e si asciuga

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Lorena.

      Ogni quanto le innaffi? E che terreno hai su di loro? In generale è importante annaffiare solo quando il terreno è completamente asciutto. Per questo, in caso di dubbio, bisogna controllare l'umidità, ad esempio inserendo un sottile bastoncino di legno, e pesando il vaso una volta innaffiato e di nuovo dopo qualche giorno.

      Per quanto riguarda il terreno, deve essere in grado di assorbire e filtrare rapidamente l'acqua, motivo per cui è consigliabile utilizzare substrati minerali come la pomice poiché solitamente la torba crea problemi.

      Saluti!