Echinocactus grusonii o sedile della suocera

Echinocactus grusonii

È probabilmente uno dei cactus più famosi al mondo. Il Echinocactus grusonii È una pianta a forma di botte che non manca in nessuna collezione succulenta, né si trova spesso nei giardini.

Sebbene armato di spine lunghe e affilate, questo cactus è sempre un piacere da avere come la sua coltivazione non è affatto complicata.

Caratteristiche

Echinocactus grusonii giovane

Echinocactus grusonii è il nome scientifico di un cactus che è stato descritto da Heinrich Hildmann e pubblicato su Monatsschrift für Kakteenkunde nel 1981. Oggi è conosciuto con vari nomi, come sedile della suocera, palla d'oro, botte d'oro o cactus riccio. È endemico del Messico centrale, da Tamaulipas allo Stato di Hidalgo. Nonostante la sua popolarità, è incluso nell'elenco delle specie minacciate di estinzione.

È caratterizzato da hanno una forma globosa con un'altezza che può superare il metro e un diametro di circa 50 centimetri. Presenta tra 21 e 37 coste rettilinee, sottili, che presentano areole lanose biancastre e successivamente grigiastre, da cui si dipartono da 3 a 5 spine centrali di circa 5 cm, e circa 8-10 spine radiali di lunghezza superiore a 3 cm. I fiori crescono dalle areole superiori, misurando tra 4 e 7 cm di lunghezza e circa 5 cm di diametro in primavera e solo negli esemplari adulti.

Varietà

Le principali varietà sono:

Echinocactus grusonii var. albispino

Echinocactus grusonii var. albispino

Immagine da Cactusguide.fr

Echinocactus grusonii var. brevispino

Echinocactus grusonii var. brevispino

Immagine da Cactus-art.biz

Echinocactus grusonii var. curvipino

Echinocactus grusonii var. curvipino

Immagine da Llifle.com

coltivazione

Echinocactus grusonii

Se parliamo di coltivazione, è davvero molto semplice. Necessita di un'esposizione al sole ma al riparo dal gelo. Gli esemplari adulti e acclimatati possono resistere senza problemi a occasionali grandinate, ma i più giovani in genere fanno fatica quando la temperatura scende sotto gli 0 gradi.

Anche così, è un cactus adatto ai principianti poiché Va annaffiato due volte a settimana in estate e ogni 2-15 giorni il resto dell'anno, e concimarlo con fertilizzanti liquidi per cactacee dall'inizio della primavera all'inizio dell'autunno seguendo le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto. Allo stesso modo, perché cresca bene sarà necessario trapiantarla in primavera in un vaso più largo di 2-3 cm.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.