Scheda informativa sull'Echinocactus platyacanthus

Echinocactus platyacanthus

Immagine - Wikimedia / GFDL

El Echinocactus platyacanthus, detto bisnaga, è un cactus globoso che raggiunge buone dimensioni; infatti è una di quelle piante che è meglio avere in piena terra poiché in vaso non si sviluppa molto bene.

Nonostante tutto, ha un alto valore ornamentale, quindi a Ciber Cactus vogliamo farvi conoscere di cosa si tratta, senza alcun dubbio, una specie molto interessante.

Com'è

Echinocactus platyacanthus

Immagine da Wikimedia / berichard

Echinocactus platyacanthus è il nome scientifico di a cactus originario del Messico (San Luis Potosí, Coahuila de Zaragoza, Durango, Guanajuato, Hidalgo, Nuevo León, Puebla, Querétaro e Tierra Blanca) che è stato descritto da Johann Heinrich Friedrich Link e Christoph Friedrich Otto e pubblicato in Verhandlungen des Vereins zur Beförderung des Gartenbaues in den Königlich Preussischen Staaten nell'anno 1827.

È caratterizzato dallo sviluppo di a fusto che all'inizio è globoso e che negli anni diventa colonnare che arriva fino a 3 metri di altezza e da 4 a 8 dm di diametro. Ha da 5 a 60 costole verticali, in cui sono le areole. Da questi spuntano 4 spine centrali lunghe da 5 a 12 cm e da 7 a 11 spine radiali lunghe da 3 a 5 cm.

I fiori compaiono solo in esemplari di una certa dimensione (circa 40-50 cm di altezza), e sono gialli, numerosi e con un diametro da 4 a 7 cm. Il frutto a maturazione è secco, oblungo, giallastro e misura da 5 a 7 cm di lunghezza.

Come ti prendi cura di te stesso?

Echinocactus platyacanthus

Immagine da Cactus-art.biz

Ti piacerebbe averne una copia? Se è così, dovresti tenere a mente due cose: deve essere esposto al sole e ricevere poca acqua. Certo, se l'avessero in serra o in una zona protetta dal sole diretto, bisogna esporla poco alla volta e gradualmente al re stellato per evitare che si bruci.

Dagli 2 irrigazioni settimanali in estate e una ogni 15-20 giorni il resto dell'anno, e pagalo con fertilizzanti specifici per cactus (puoi acquistarlo qui) seguendo le istruzioni riportate sulla confezione del prodotto. Non dimenticare di trapiantarlo ogni 2 primavere, utilizzando un substrato che abbia un buon drenaggio come lo zigomo (in vendita qui) e passalo in giardino quando vedi che il cambio di vaso comincia ad essere un compito pericoloso.

Per esperienza posso dirti che resiste a gelate fredde e deboli fino a -2ºC purché puntuali e di breve durata.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   sordo antonio osuna suddetto

    Splendida pagina di piante grasse, un saluto

    1.    Monica sanchez suddetto

      Grazie Antonio. Siamo felici di sapere che ti piace il blog 🙂