Echinopsis spachiana

I fiori dell'Echinopsis spachiana sono bianchi e grandi

Immagine - Wikimedia / z2amiller

El Echinopsis spachiana può vantare di avere alcuni dei fiori più grandi e belli del suo genere. Questo cactus colonnare è una pianta che si trova nei giardini con clima caldo o mite. Ma in più non è uno di quelli che cresce molto, motivo per cui è molto interessante coltivarlo anche in vaso.

Sebbene il suo tasso di crescita non sia molto veloce, non è uno dei più lenti. Quando tutte le sue esigenze sono soddisfatte, cioè quando è nel posto giusto e non sente freddo o sete, la bellezza dei suoi fiori ti conquisterà in ogni stagione.

Origine e caratteristiche di Echinopsis spachiana

Veduta dell'Echinopsis spachiana

Immagine - Wikimedia / Gavin Anderson

El Echinopsis spachiana appartiene al genere echinopsis, ed è originario dell'Argentina. Sviluppa fusti verdi e colonnari, spessi circa 5 centimetri per 2 metri di altezza. Presentano da 10 a 15 coste con areole gialle o grigiastre, da cui spuntano da 1 a 3 spine centrali e da 8 a 10 spine radiali, tutte lunghe circa 12 millimetri. Tende a ramificarsi dalla base, ma non è un cactus che occupa molto spazio.

Fiorisce verso la fine della primavera. I suoi fiori sono bianchi, e molto grandi: misurano 15 centimetri di diametro e lunghi fino a 20 centimetri. Dovresti sapere di loro che sono notturni, cioè germogliano poco prima dell'alba e si chiudono durante il giorno. Pertanto, se vuoi vederli, dovrai stare attento, poiché rimangono aperti per pochissime ore.

Per curiosità, dire che riceve i nomi comuni di cardón e fiaccola d'oro; quest'ultimo si riferisce al colore delle sue spine.

Quali sono le loro preoccupazioni?

La cura delle tue esigenze Echinopsis spachiana sono facili da imparare. Non è una pianta esigente, e infatti resiste al freddo, quindi non dovrai preoccupartene; o non molto almeno. Quindi, senza ulteriori indugi, di seguito spiegheremo tutto ciò che devi sapere per non farti mancare nulla:

Posizione

la maggior parte dei cactus richiedono l'esposizione diretta al sole in modo che possano crescere normalmente. E il nostro protagonista non fa eccezione. Ma devi tenere a mente che se lo metti in una zona soleggiata senza esserti acclimatato prima, quello che accadrà è che brucerà. Queste ustioni compaiono da un giorno all'altro e, sebbene possano guarire, non scompariranno mai. Fortunatamente, questo può essere evitato esponendo il cactus alla luce solare diretta per un po' ogni giorno, aumentando un po' il tempo di esposizione ogni settimana.

Un'altra cosa che accade abbastanza spesso è mettere il cactus in un luogo dove non riceve abbastanza luce. Quando manca, i suoi steli ezioleranno; cioè cresceranno nella direzione di una luce più potente (come quella che entra da una finestra, per esempio). Per evitare ciò, devi assicurarti che la stessa quantità di luce raggiunga tutte le sue parti, cosa che ottieni ruotando il vaso ogni giorno fino a quando non può essere in un luogo dove il sole splende direttamente.

Terra

I cactus sono molto sensibili al ristagno. Troppa acqua fa marcire le radici e può essere fatale per loro. R) Sì, è necessario che la terra sia leggera, e che l'acqua drena molto bene. 

Se hai intenzione di tenerlo in una pentola, assicurati che abbia dei fori attraverso i quali esce l'acqua. Come substrato, non esitate a utilizzare una miscela di substrato universale miscelato con 50% di perlite o pomice (in vendita qui).

irrigazione

Veduta dell'Echinopsis spachiana

Immagine - Wikimedia / John Rusk

Quando si parla di irrigazione dei cactus c'è una regola che consigliamo di seguire molto: lascia asciugare completamente il substrato (o il terreno del giardino) prima di annaffiare di nuovo. Come il Echinopsis spachiana resiste alla siccità, può trascorrere alcuni giorni avendo terraferma.

Ma a volte non è facile sapere quando ciò accade, poiché possiamo vedere che lo strato più superficiale è secco ma ... e quelli più interni? La superficie si asciugherà sempre prima in quanto è più esposta, ma se vogliamo sapere se è ora di annaffiare o meno dovremo controllare l'umidità del terreno.

E questo è facile da fare: se hai la tua pianta in vaso, devi semplicemente raccoglierla una volta che è stata annaffiata e di nuovo dopo pochi giorni. Se teniamo conto che il terreno secco pesa meno del terreno umido, questo servirà da guida per sapere quando reidratarlo. Se lo hai in giardino, scava un po' o inserisci un bastoncino di legno per vedere com'è il terreno.

Abbonato

Si consiglia di pagarlo utilizzando un fertilizzante per cactus (in vendita qui), in primavera e in estate. In questo modo lo farai crescere un po' più velocemente e produrrà un gran numero di fiori.

Moltiplicazione

Può essere moltiplicato in due modi diversi: per seme o per talea. Il periodo migliore per questo è la primavera, ma si può fare anche in autunno se il clima è caldo nella tua zona e/o non c'è mai il gelo.

trapianto

Se hai intenzione di averlo in una pentola, devi piantalo in uno più grande ogni 2-3 anni in primavera.

Rusticità

El Echinopsis spachiana resiste a deboli gelate, fino a -2ºC. Tenere un po' di più se è riparato, ma sconsigliamo di tenerlo all'aperto se le temperature scendono ulteriormente.

Cosa ne pensi di questa specie?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.