Gymnocalycium baldianum

Vista del Gymnocalycium baldianum, un cactus molto decorativo

Immagine - Wikimedia / santran cédric

El Gymnocalycium baldianum È uno dei cactus più comuni ma allo stesso tempo più decorativi che possiamo trovare nei vivai e, naturalmente, nelle collezioni… e nei nostri patii. Ed è che, oltre a resistere alle alte temperature, le gelate sporadiche non fanno troppo male.

Come se non bastasse, occupa poco spazio ed è bene asportare per seme. Ti piacerebbe averne uno? Beh, sai dove andare 🙂, anche se prima di tutto Ti consiglio di imparare tutto su di lui leggendo il suo file.

Com'è

I fiori di Gymnocalycium baldianum possono essere di vari colori, come il bianco

Gymnocalycium baldianum var albiflorum
Immagine - Wikimedia / Natalie-S

Gymnocalycium baldianum È il nome scientifico di un cactus originario dell'Argentina, dove cresce ad altezze comprese tra i 500 ei 2000 metri sul livello del mare. È stato descritto da Carlos Luis Spegazzini e pubblicato in Annali della Società Scientifica Argentina nel 1925. È popolarmente conosciuto come cactus del mento nano.

È una pianta piccola, con fusto globoso verde-bluastro di 4-10 cm di altezza e 6-7 cm di diametro.. Ha 9-11 costole che sono divise tra i tubercoli. Le areole sono bianche e da esse spuntano 5-7 spine radiali lunghe 1,5 cm che sono di colore grigio-marrone. I fiori, che sbocciano in estate, sono rossi, viola o bianchi e hanno un diametro di 3-5 cm. E il frutto è grigio-verde scuro.

Quali sono le loro preoccupazioni?

Vista dei fiori di Gymnocalycium baldianum

Immagine - Flickr / sherca

Il cactus del mento nano è un cactus succulento difficile da non acquisire. O per il colore delle sue spine o per quello dei suoi fiori, o per entrambi, è una di quelle specie che si guadagnano un angolo sulla mensola, sul tavolo, o anche sul giardino roccioso se ci piacciono quelle piuttosto piccole. Allora come te ne prendi cura?

Bene, ogni persona in base alla propria esperienza consiglierà una cosa o l'altra, ma in Ciber Cactus ti consiglierò quanto segue:

Posizione

È una pianta quella Deve essere tenuto all'aperto, in pieno sole. Ma attenzione: se dove l'avete acquistata non l'avevano protetta, dovreste abituarvi poco alla volta, a partire dall'autunno o all'inizio della primavera, cioè quando l'insolazione non è così forte e c'è meno rischio di scottature. qui hai più informazioni al riguardo.

Terra

Dipende se lo hai in giardino o in un contenitore:

  • Terreno del giardino: sciolto, con buon drenaggio. In caso contrario, fai un buco di piantagione di 50 cm x 50 cm e riempilo con parti uguali di torba nera mescolata con perlite.
  • Vaso di fiori: mettere un primo strato di arlite o argilla vulcanica, quindi riempirlo con substrato di coltivazione universale misto a perlite in parti uguali.

irrigazione

Quante volte devi innaffiare un cactus? E come? La verità è che dipende molto dalla specie, dalla sua posizione, dal clima. Ma per il caso in esame, andrà fatto in media 2-3 volte a settimana durante la stagione più calda dell'anno, e ogni 7-10 giorni il resto. In autunno e, soprattutto, in inverno, annaffiare poco: una volta al mese.

Non dovresti mai bagnare il cactus, solo il terreno, altrimenti potrebbe marcire.

Abbonato

Nitorfoska Azul, un ottimo fertilizzante

Oltre all'acqua, il Gymnocalycium baldianum è una pianta che ha bisogno di »cibo» in primavera ed estate. Pertanto, sarà concimato con fertilizzanti minerali, come Nitrofosco blu. Basteranno uno o due cucchiaini ogni 15 giorni perché abbia una buona crescita e sviluppo, e fiorisca.

Moltiplicazione

Si moltiplica per seme in primavera-estate. Il modo per procedere è il seguente:

  1. La prima cosa da fare è riempire un vaso basso o un vassoio di sughero che avrà dei fori alla base per il drenaggio, con terreno di coltura universale.
  2. Successivamente, viene annaffiato consapevolmente.
  3. Quindi, i semi vengono seminati, assicurandosi che non vengano ammucchiati.
  4. Vengono quindi ricoperti di sabbia con sabbia di fiume precedentemente lavata.
  5. Infine, il letto di semina viene posto all'esterno, in penombra.

Germinano in 2 o 3 settimane, un mese al massimo.

Potatura

Non ne ho bisogno. Magari togli i fiori appassiti e le noci quando li hai, ma niente di più. Alcune persone approfittano dei trapianti per controllare le proprie radici e tagliare quelle secche e/o nere, ma non è indispensabile.

Tempo di semina o trapianto

In primavera, quando il rischio di gelate è passato. Trapiantare in un vaso più grande o rinnovare il substrato ogni 2 anni.

Parassiti e malattie

Le lumache possono distruggere il Gymnocalycium baldianum

È molto difficile, anche se devi guardare il cocciniglie e i molluschi (lumache e lumache). Trattandosi di una piccola pianta, un pennello imbevuto di alcol da farmacia di solito risolve il problema in poco tempo. In caso contrario, cospargere la pianta e il substrato farina fossile con un po' d'acqua, come se si aggiungesse del sale, e vedrai come migliora.

Rusticità

Per esperienza te lo dirò resiste a gelate deboli e occasionali fino a -1,5ºC. Per "puntuale" intendo una o due volte l'anno. Per questo, se nella tua zona fa più freddo, ti consiglio di tenerlo in casa, in una stanza luminosa fino al ritorno della primavera.

Veduta di Gymnocalycium baldianum var. sanguiniflorum

Gymnocalycium baldianum var. sanguiniflorum
Immagine - Flickr / Stefano

Cosa ne pensi del file Gymnocalycium baldianum?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.