Gymnocalycium mihanovichii

Gymnocalycium mihanovichii in vaso di fiori

Immagine - Wikimedia / Petar43

El Gymnocalycium mihanovichii È uno dei cactus più apprezzati, soprattutto da chi non ha molto spazio per avere le proprie piante. Ed è che un esemplare adulto può vivere senza problemi in un piccolo vaso, di una decina di centimetri di diametro.

Con alcune cure di base, fiorirà anno dopo anno, facendolo sembrare ancora più bello, se possibile. Ti piacerebbe incontrarlo? Andiamo lì 😉.

Origine e caratteristiche

Gymnocalycium mihanovichii fiori

Immagine - Wikimedia / Petar43

Il nostro protagonista è una specie di cactus endemico del Paraguay e dell'Argentina. Sviluppa un fusto solitario e sferico, verde grigiastro o verde rossastro che raggiunge una dimensione da 3 a 6 centimetri (altezza e diametro). Presenta otto coste ben definite, dalle cui areole spuntano da 5 a 6 spine grigio-giallastre, flessibili e deboli con una lunghezza fino a un centimetro.

Fiorisce in primavera-estate. I fiori sono a forma di campana, lunghi 4-5 cm e di colore giallo oliva chiaro. Una volta impollinati, si produce il frutto, che sarà a forma di fuso e conterrà numerosi semi nero-brunastri.

innesto di Gymnocalycium mihanovichii

È un cactus che viene spesso utilizzato per innestarsi su un altro, solitamente Hylocereus. È fatto con mutazioni incapaci di fotosintesi, poiché non hanno clorofilla, e i loro corpi di solito hanno un colore molto sorprendente, giallo, rosso, lilla scuro, ecc.

Queste piante sono conosciute come Gymnocalycium mihanavichii cv. HIBOTAN.

Quali sono le loro preoccupazioni?

Se vuoi avere una copia, ti consigliamo di fornire le seguenti cure in modo che sia ben sano:

Posizione

È importante esserlo all'estero, preferibilmente in una zona luminosa ma senza luce solare diretta. Nel caso di abitare in un luogo dal clima mite, si può essere esposti al sole, ma ad esempio nella regione mediterranea è sconsigliato perché l'insolazione è forte.

Terra

Essendo una pianta piuttosto piccola, si può avere in vasi con pomx, akadama o con substrati un po' acidi (in vendita qui) mescolato con perlite (in vendita qui) al 100%.

irrigazione

Gymnocalycium mihanovichii cactus in fiore

Immagine - Flickr / ?? HQ

si tratta piuttosto di moderato. Devi lasciare asciugare il substrato tra un'annaffiatura e l'altra, ma non è bene che abbia troppa sete. Pertanto, dovresti sapere che nei climi caldi e secchi di solito viene annaffiato in media 3 volte a settimana durante la stagione più calda e una volta a settimana nel resto dell'anno.

Nel caso in cui vivi in ​​una zona dove piove regolarmente, dovrai annaffiare meno frequentemente e potresti anche dover proteggere il tuo Gymnocalycium mihanovichii all'interno se quelle piogge sono frequenti.

Ogni volta che annaffi assicurati di bagnare bene tutto il terreno. Se vedi che non filtra, se no che va ai lati, e se è anche asciutto, prendi la pentola e mettila in una bacinella d'acqua per qualche minuto, e poi toglila di là . In questo modo il substrato potrà, nuovamente, assorbire il prezioso liquido quando si innaffierà nuovamente.

inoltre, dovresti evitare di bagnare il cactus altrimenti marcirebbe rapidamente. Per questo motivo non è nemmeno una buona idea piantarla in un vaso senza buchi o metterci sotto un piatto.

Acqua
Articolo correlato:
Come innaffiare correttamente il cactus?

Che tipo di acqua usare per innaffiare?

La cosa migliore è la pioggia, ma dal momento che non tutti possono averla, puoi usare l'acqua in bottiglia o quella che ha a malapena il lime. È una pianta che potremmo quasi definire acidofila; cioè non tollera troppo la calce, e di conseguenza necessita di substrati e acque a pH basso (6-6.5).

Quindi, se quello che riesci ad ottenere è alcalino, mescola il succo di mezzo limone in un litro d'acqua, e con delle strisce pH (in vendita Nessun prodotto trovato. o in qualsiasi farmacia) controlla se sta diventando più acido.

Abbonato

Durante tutti i mesi caldi dell'anno si deve pagare con un fertilizzante specifico per cactus, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto. Ce l'hai liquido (come questo lo vendono qui) e in granuli (in vendita qui).

trapianto

La pentola deve essere cambiata ogni due o tre anni, in primavera, fino a raggiungere la sua dimensione finale.

Potatura

Non ne hai bisogno. Devi solo rimuovere i fiori e i frutti che si stanno seccando.

Parassiti e malattie

El Gymnocalycium mihanovichii È un cactus molto resistente, ma può essere attaccato da caracoles y cocciniglie. Inoltre, se si annaffia eccessivamente, compariranno funghi come la phytophthora, che ammorbidendo la pianta e facendola marcire.

Moltiplicazione

Frutto aperto di Gymnocalycium mihanovichii

Immagine - Wikimedia / Petar43

Si moltiplica per seme e le varietà innestate per separazione dei germogli. Come procedere in ogni caso?

semi

I semi vengono seminati in vasi con, ad esempio, vermiculite (in vendita qui) o con una miscela che faciliti il ​​drenaggio (come substrato per piante acide e 50% di perlite). Quindi vengono annaffiati consapevolmente e posti all'esterno, in mezz'ombra.

Germineranno in un periodo da 7 a 14 giorni.

Separazione dello stelo

Vengono separati quando sono di dimensioni facili da maneggiare, e vengono quindi innestati su steli radicati di Hylocereus protetti dal sole diretto. Per fare ciò, ciò che si fa è tagliare con un coltello preventivamente disinfettato una fetta da un'estremità dell'Hylocereus, posizionare la ventosa di Gymnocalycium mihanovichii sopra, e infine tenerle ben unite con un elastico.

Puoi rimuovere la gomma in circa un mese.

Rusticità

Gli innesti sono molto freddi: resistono solo fino a 10ºC; ma nonostante, la specie tipo resiste a gelate deboli e specifiche fino a -3ºC.

Innesto di Gymnocalycium mihanovichii in vaso

Immagine - Flickr / Kai Yan, Joseph Wong

Cosa ne pensi di questo cactus?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

14 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Lucia suddetto

    Ciao, ho un problema con questo tipo di cactus, le sue radici hanno iniziato a fare un'offerta, non so come posso salvarlo
    Ho trovato l'articolo molto interessante, mi ha dato molte informazioni per prendermi cura delle mie piante grasse, grazie

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Lucia.

      Se le radici sono marce, taglia in modo netto con un coltello seghettato precedentemente disinfettato e lascia asciugare la ferita del cactus per una decina di giorni. Successivamente, piantalo in un vaso con pomice o altro substrato simile (sabbia vulcanica, come ad esempio l'akadama). qui Hai maggiori informazioni sui substrati per cactus.

      E non innaffiare prima che siano trascorsi alcuni giorni.

      Luck.

      1.    Marcela suddetto

        Ho un cactus a innesto rosso ma vedo che stanno uscendo delle macchie nere nella parte rossa, cosa potrebbe essere?


      2.    Monica sanchez suddetto

        Ciao Marcela.

        Lo hai in un luogo dove il sole o la luce diretta lo colpisce? O vicino a una finestra?

        Quei piccoli punti potrebbero essere ustioni. Quindi se il sole lo colpisce, consiglio di spostarlo.

        E se non è quello, ti invitiamo a scriverci ancora per aiutarti.

        Saluti.


  2.   Asdrubale Hernandez Moreno suddetto

    A me sembra un magnifico cactus, infatti ne ho appena comprato uno e aspetterò con impazienza che i gambi crescano per fare gli innesti. Allo stesso modo, le informazioni che offrono sono molto utili di cui sono grato.

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Asdrúbal.

      Molte grazie. Speriamo che vi piaccia molto 🙂

      Saluti!

  3.   Felipe suddetto

    Da quello che leggo, non è consigliabile per interni. Ce l'ho proprio accanto allo schermo del computer, in ufficio. Farei meglio a portarlo a casa, giusto?

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Felipe.

      Sì, i cactus indoor di solito non crescono bene, a causa della mancanza di luce 🙂
      Se la tua casa sarà in una zona dove c'è molta luce, allora sarebbe consigliabile portarla lì.

      Saluti.

  4.   Ana suddetto

    Ciao, ho adorato l'articolo
    Ho una domanda ed è che i bambini sono abituati solo a inserirli? Ne ho uno e vorrei sapere se c'è un modo per riprodurli senza che siano per innesto. Di recente ne ho rimossi diversi e li ho messi a terra per vedi se sono cresciuti ma non hanno messo radici o altro. Grazie

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Ana.

      Sì, può essere piantato in singoli vasi, ma è difficile che attecchiscano. Vanno messe a dimora in substrati sabbiosi e leggeri, ad esempio torba con perlite in parti uguali, e irrigate di volta in volta.

      Questo viene fatto in primavera o in estate, poiché questo è il momento in cui hanno le migliori possibilità di fare il tifo.

      Saluti!

  5.   Fernando C Medina suddetto

    Ciao, come potrei averne una copia, vengo da Città del Messico.
    grazie

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Fernando.

      Mi dispiace, non posso aiutarti perché sono in Spagna.

      Forse in un vivaio di cactus ce l'hanno. E se no, ti incoraggio a chiedere in un gruppo Facebook di fan dei cactus nel tuo paese. Sicuramente qualcuno può dirti dove lo vendono.

      Saluti.

  6.   Camila suddetto

    Ciao!
    Ho una domanda sul mio cactus, ha "croste" marrone giallastre e la sua arte inferiore è un po' gialla. È morto? Non ho potuto fornire informazioni sulla pannocchia su questo! :( Apprezzo il tuo aiuto

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Camila.

      Se la parte inferiore diventa molliccia, purtroppo non ci sarà più nulla da fare.
      Ma se è ancora duro, ti consiglio di far passare più tempo tra le annaffiature e di trattarlo con un fungicida come il rame.

      Saluti.