Lithops o pietre viventi

lithopsweberi

Litops weberi

I Lithops Sono di gran lunga alcune delle piante succulente più conosciute al mondo. Non hanno foglie come gli altri esseri vegetali, ma man mano che si sono evoluti si sono trasformati in quelli che molti dicono "bottoni" dal cui centro emerge un bel fiore giallo o bianco.

La sua crescita è lenta, il che, sommato alle sue piccole dimensioni, lo rende una succulenta non adatta, ma perfetta da avere in vaso per tutta la vita.

Lithops è un genere di piante succulente appartenenti alla famiglia botanica delle Aizoaceae originaria dell'Africa meridionale descritta da Nicholas Edward Brown e pubblicata su The Gardeners' Chronicle nel 1922. Finora sono state accettate un totale di 109 specie, le seguenti sono alcune delle più popolari:

Lithops lesliei

Lithops_lesliei

Ottica Lithops

Lithops_ottica_rubra

Lithops salicola

Lithops salicola

A causa della loro parentela, ricevono i nomi comuni di pietre vive o piante di pietra. Ma perché queste piante sono così speciali? Bene, i Lithops sono conosciuti come "piante da finestra". Cosa significa questo? Ebbene, a differenza del resto delle piante, sulla superficie delle foglie sono presenti piccole zone trasparenti o traslucide prive di clorofilla attraverso le quali passa la luce solare, raggiungendo così l'interno di ogni foglia dove infine la succulenta può fotosintetizzare; cioè, convertire l'energia del re delle stelle in amido e zuccheri per nutrirsi e rimanere in vita.

I suoi fiori preziosi Ricordano molto quelli che si trovano nelle margherite, ma molto più piccoli, appena 1 centimetro di diametro. A seconda della specie, possono germogliare sia in tarda estate che in autunno, ma ogni anno puoi contemplarli e gustarli 😉.

Lithops aucampiae

Lithops aucampiae

I Lithops sono piante molto facili da coltivare, come tutto ciò di cui hanno bisogno è un'esposizione molto luminosa, un substrato molto poroso che drena bene l'acqua -come la guancia per esempio- e pochi rischi (In generale, dovrebbero essere annaffiati due volte a settimana in estate e ogni 15 giorni nel resto dell'anno). Per evitare problemi, lasciare asciugare completamente il substrato prima di annaffiare nuovamente e non mettere un piatto sotto di esso in modo che non marcisca. Cosa c'è di più, dalla primavera all'estate la devi pagare con Blue Nitrofoska, aggiungendo un cucchiaino ogni 15 giorni, oppure con fertilizzanti liquidi per cactacee e crasse seguendo le indicazioni riportate sulla confezione.

Durante la stagione delle piogge, o se vivi in ​​una zona umida, devi proteggerli da lumache e lumache, sia con molluschicidi in grani, sia con rimedi naturali come birra o farina fossile. Altre opzioni sono semplicemente prenderli e portarli ad una distanza minima di 600 metri, oppure mettere una zanzariera come se fosse una serra.

Lithops gracidelineata subsp. brandbergensis

Lithops gracidelineata subsp. brandbergensis

Altrimenti, non hai bisogno di un trapianto fintanto che è pagato, e Può essere coltivata all'aperto tutto l'anno se la temperatura non scende sotto i -2ºC..


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

0 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.