Profilo di Mammillaria perbella

Mammamillaria perbella

Tutti i cactus hanno qualcosa di speciale, che li rende unici e irripetibili. Anche tra gli esemplari che provengono dallo stesso lotto di semi, ci sono sottili differenze che ci fanno optare per l'uno o l'altro. Ma è anche vero che ci sono specie che ci attirano così tanta attenzione che non possiamo smettere di guardarle, come nel caso della Mammamillaria perbella.

Il suo cognome ci dice già che è molto carina, e la ragione non manca: il suo portamento, per quanto comune, è elegante. Cosa c'è di più, tende a crescere in modo dicotomico, cioè, e così che tutti possiamo capirci più facilmente, tirando fuori due «teste». E questo... vale la pena vederlo, e cosa c'è di meglio che farlo da casa, avendone acquistato una copia.

Com'è

Mammamillaria perbella

Mammamillaria perbella è il nome scientifico di a cactus endemico di Guanajuato in Messico. Fu descritto da Heinrich Hildmann e Karl Moritz Schumann e pubblicato nel Gesamtbeschreibung der Kakteen nel 1899.

È caratterizzato dal fatto di crescere prima individualmente e poi tendendo a farlo in modo dicotomico formando gruppi. Gli steli sono globosi, di colore verde glauco e misurano fino a 6 cm di diametro. Le coste sono piccole, coniche, e hanno areole da cui emergono 2 spine centrali bianco-rossicce che finiranno per essere bianche lunghe da 1 a 6 mm. Ha anche da 14 a 18 spine di setole radiali, lunghe da 1,5 a 3 mm.

I fiori sono rosa scuro o cremisi e misurano 1 cm di diametro.. I frutti sono piccoli, di colore rosso e marrone e contengono numerosi minuscoli semi neri.

Quali sono le loro preoccupazioni?

Mammamillaria perbella

La Mammamillaria perbella è molto facile prendersene cura, purché si tenga presente che deve essere esposto al sole (se acquistato da un vivaio dove è stato coltivato indoor, devi abituarti al sole a poco a poco in modo che non bruci), e va annaffiato poco (una o due volte alla settimana al massimo), evitando sempre ristagni d'acqua.

Inoltre, si consiglia vivamente di concimarlo con un fertilizzante per cactus seguendo le istruzioni riportate sulla confezione. Nel caso lo avessimo in vaso, lo trapianteremo ogni due anni, in primavera, in uno più grande.

Per il resto, anche se non resiste al gelo, sì Può essere coltivata all'aperto tutto l'anno se la temperatura non scende sotto i -2ºC.. Se ciò accade, dovrebbe essere protetto all'interno in una stanza luminosa o in una serra.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.