Mammillaria spinosissima

Veduta della Mammillaria spinosissima

Immagine - Wikimedia / Peter A. Mansfeld

La Mammillaria spinosissima È una delle specie più comuni e più belle che possiamo trovare in qualsiasi vivaio e giardino di cactus e altre piante grasse. Come indica il cognome, ha un corpo ben armato di spine, ma sono spine preziose, e si potrebbe anche dire che qualcosa di innocuo, soprattutto se le confrontiamo con quelle di, ad esempio, La gigantesca carneficina, molto meglio conosciuto come saguari.

Inoltre, a differenza di molti altri cactus, il nostro protagonista è in grado di resistere a deboli gelate senza subire danni. Tanto che nella regione mediterranea, così come nei luoghi più caldi, Viene spesso coltivato all'aperto, in vaso per decorare il balcone o il terrazzo, oppure piantato direttamente nel terreno del giardino. 

Origine e caratteristiche di Mammillaria spinosissima

Veduta della Mammillaria spinosissima

Immagine - Wikimedia / WereSpielChequers

È una specie di cactus endemico del Messico, precisamente di Guerrero e Morelos, chiamato biznaga spinoso. Sviluppa un corpo cilindrico, di colore blu-verde, con un'altezza fino a 30 centimetri e uno spessore o diametro di 6-7 centimetri. Come dicevamo all'inizio ha molte spine: da 10 a 30 sono radiali che misurano da 2 a 18 millimetri, e da 2 a 17 spine centrali lunghe 1-2 centimetri e possono essere bianche, gialle, rubino, rosse , marrone o biancastro.

Fiori Appaiono nella parte superiore dello stelo, formando qualcosa come una ghirlanda, e sono circa 2 centimetri. Sono rosa con un bordo rosso e germogliano in primavera, a volte anche in autunno. Una volta impollinati, il frutto matura, che misurerà circa 1 centimetro e sarà di colore bruno rossastro o verdastro. I semi sono piccoli e marroni.

Quali sono le cure di cui hai bisogno?

Se hai il coraggio di avere una copia di Mammillaria spinosissima, ti consigliamo di occupartene come segue:

Clima

È molto importante sapere che clima o climi supporta una pianta prima di acquistarla, soprattutto quando si parla di cactus perché a meno che non abbiamo un patio interno molto luminoso costerà molto crescere correttamente all'interno della casa o sul pavimento.

In quest'ottica, questa specie di Mammillaria, come altre del suo genere, è una pianta che vive bene nei climi tropicali caldi e secchi, ma è anche in grado di resistere a pochi gradi sotto zero purché per breve tempo.

Posizione

L'ideale è averlo fuori, in pieno sole. Ma attenzione: se non ci si è abituati, cioè se è una pianta che hanno avuto in penombra o in casa, bisogna abituarsi poco a poco e gradualmente per essere esposti ai raggi del re stellato, altrimenti brucerebbe.

Terra

Veduta della Mammillaria spinosissima cv A Becco

Immagine - Wikimedia / Dornenwolf dalla Germania

Nel loro habitat il Mammillaria crescono su terreni sabbiosi e persino sassosi. Quando è cresciuto, devi cercare di emulare le condizioni che si trovano nel suo luogo di origine, perché è l'unico modo per farlo durare ... finché deve durare.

Pertanto, consigliamo quanto segue:

  • Vaso di fiori: riempire con pomice o sabbia di quarzo (del tipo usato negli acquari). Potrebbe anche valere la pena mescolare ghiaia da costruzione (spessore 1-3 mm) mescolata con il 30-40% di torba.
  • Giardino: trattandosi di una pianta relativamente piccola, praticare un foro di circa 50x50 cm e riempirlo con il substrato oi substrati sopra menzionati e piantarlo al suo interno. Dobbiamo assicurarci che non sia troppo alto o troppo basso. Più o meno, il livello della superficie di quella che è la zolla della radice deve essere 1 cm al di sotto del livello del suolo.

irrigazione

L'irrigazione deve essere piuttosto scarsa, soprattutto in autunno e inverno. In quelle stagioni, devi annaffiare una volta al mese o giù di lì, perché poiché non cresce e il substrato o la terra impiegano più tempo per asciugarsi completamente, se annaffiamo più spesso, è molto probabile che rimarremo senza cactus.

In primavera e in estate, soprattutto se è una stagione estiva molto calda e secca, annaffieremo 1-2 volte a settimana, a seconda di quanto velocemente si asciuga il terreno.

Tra l'altro, in caso di averlo in una pentola, non mettere nessun piatto sotto di esso, altrimenti le radici marcirebbero. Per questo stesso motivo non va piantato in contenitori senza buchi.

Abbonato

Dall'inizio della primavera alla fine dell'estate Si consiglia di pagarlo con un fertilizzante specifico per cactus seguendo le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto.

Moltiplicazione

La Mammillaria spinosissima si moltiplica per semi e talee in primavera-estate:

semi

I semi si seminano ad esempio in vaso o in vassoi per piantine, con una miscela di torba nera e quarzo o sabbia pomx in parti uguali. È importante evitare di affollarli, in modo che possano germogliare meglio.

Vanno ricoperti con un sottile strato di substrato, innaffiati e infine posti all'esterno, in pieno sole.

Germoglieranno in circa 10 giorni.

Talee

È il metodo più efficiente per ottenere nuove copie. Per fare questo, basta dobbiamo tagliare un germoglio che è uscito e metterlo in un luogo luminoso ma senza sole diretto per una decina di giorni perché la ferita si asciughi.

Trascorso tale tempo, lo pianteremo in un vaso con ad esempio della pomice e lo lasceremo all'aperto, in una zona luminosa ma senza sole diretto.

Se tutto va bene, in circa 15-20 giorni comincerà a crescere.

Parassiti e malattie

Veduta della Rossa Mammillaria spinosissima

Immagine - Wikimedia / Krzysztof Golik

La Mammillaria spinosissima È abbastanza resistente, ma devi mantenere il caracoles lontano da lei.

Spicchi d'aglio
Articolo correlato:
Rimedi casalinghi contro le lumache

Tempo di semina o trapianto

En primavera, quando sono passate le gelate.

Se lo abbiamo in un vaso, lo trasferiremo in uno più grande ogni 2-3 anni.

Rusticità

Resiste a gelate deboli e di breve durata. Per esperienza vi dico che regge bene fino a -2 ° C. Se vivi in ​​una zona dove gli inverni sono più freddi, proteggila al chiuso o in una serra fino al ritorno del bel tempo.

Cosa ne pensi di questo cactus? Senza dubbio, è una pianta che non può mancare in nessuna collezione di piante grasse, che sia in un giardino o su un magnifico terrazzo 😉.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.