Come piantare cactus in vaso e nel terreno

Per piantare cactus ci vogliono i guanti

Vuoi sapere come piantare cactus in vaso o in piena terra senza danneggiarli? Soprattutto se hanno le spine, e sono molto lunghe, e ancor di più quando la pianta è grande, vanno prese tutte le precauzioni possibili. La pelle umana è molto sottile e sensibile, quindi dobbiamo usare gli strumenti giusti per proteggerci e allo stesso tempo affinché i cactus rimangano interi e non subiscano lesioni.

Per questo motivo, di seguito Ti spiegherò passo dopo passo quando e come piantare i cactus, e di cosa hai bisogno per svolgere questo compito che, credimi, può essere innocuo.

Quando piantare cactus?

I cactus sono piantati con cura

I cactus non dovrebbero essere piantati in nessun periodo dell'anno. Sono piante che crescono in regioni aride e semiaride (con poche eccezioni, che vivono nelle foreste tropicali). Per questo motivo, se le piantiamo ad esempio in inverno e cade una grandinata, la pianta si danneggerebbe. E non sarebbe una buona idea farlo se sbocciano, perché toglierlo dal vaso per metterlo in un altro posto potrebbe far sì che i fiori si chiudano prematuramente.

Ma c'è ancora dell'altro: se è un cactus che non è stato a lungo nel contenitore, sicuramente non ha ancora radicato bene, quindi se lo togliamo, il pane macinato, cioè la zolla, si sbriciolerà , e così facendo cadrà a pezzi, potrebbero danneggiare le radici. Così che, sarà piantato in primavera, e se necessario (Ad esempio, che ha un substrato che non drena bene l'acqua, o è molto usurato, o a causa di sospetti problemi come irrigazione eccessiva o parassiti) potrebbe essere anche d'estate o d'autunno.

Quindi riassumendo. Pianteremo un cactus solo se:

  • Le temperature sono calde ma senza raggiungere gli estremi (30ºC o più).
  • Le sue radici escono dai fori del vaso e/o vediamo che il suo corpo ha occupato tutto lo spazio al suo interno.
  • Nel caso in cui tu abbia ricevuto più acqua del necessario o sospettiamo che tu abbia parassiti.
  • Se il substrato che hai è di scarsa qualità.

Una volta che questo è noto, passiamo a piantarlo.

Come piantare un cactus?

Prima di tutto, vediamo di cosa abbiamo bisogno per piantarlo:

  • Guanti di protezione. Dipenderà dal cactus: se sono piccoli e hanno poche spine o sono innocui, basterà qualche giardinaggio; ma se sono grandi e/o hanno spine acuminate, allora sarà meglio cercare quelle che proteggano bene le mani ma che allo stesso tempo ci permettano di lavorare comodamente.
  • Acqua. O in un annaffiatoio, tubo o qualsiasi altro sistema di irrigazione, che dipenderà da quanto è grande il cactus e da dove verrà piantato, poiché se è piccolo e sarà in un vaso più grande, con un annaffiatoio lo annaffieremmo bene.
  • Posto per piantarlo:
    • Se è un vaso, deve essere di qualche centimetro (più o meno circa 5) più largo e più alto del precedente e deve avere anche dei buchi alla base. Lo riempiremo con un substrato adatto per i cactus, come la torba mescolata con perlite in parti uguali.
    • Se è a terra, ricorda che la terra deve drenare bene l'acqua. Ma deve anche essere leggero.
  • Altro: se il cactus è grande, per proteggerlo e proteggerti ti serviranno anche del cartone per avvolgerlo e una corda resistente, come la rafia. Potrebbe anche essere necessario l'aiuto di un'altra persona per sollevarlo e spostarlo.

Una volta che hai tutto, puoi passare a piantarlo.

Come piantare un cactus?

Poiché non è piantato allo stesso modo in un nuovo vaso come nel terreno, spiegherò i passaggi che devi seguire in ogni caso. In questo modo, sarai in grado di sapere come agire a seconda della situazione:

Piantare un cactus in vaso

I cactus vengono piantati in vaso quando mettono radici

Se quello che devi fare è piantarlo in un vaso, è importante che tu ne cerchi uno che sia grande; vale a dire che misura tra 5 e 7 centimetri di diametro, e che ha dei buchi alla base (meglio averne parecchi piccoli, e non uno grande, perché così l'acqua che non viene assorbita, uscirà in modo più uniforme, impedisce che la terra venga persa così rapidamente).

Ora, proprio perché la pianta esaurisca il terreno, si consiglia vivamente di mettere pezzi di rete di plastica che vengono utilizzati molto per i bonsai (in vendita qui) sopra i fori. Quindi, devi mettere uno strato di 1-2 centimetri di un substrato come argilla vulcanica (in vendita qui) o la arlita (in vendita qui).

Il passo successivo è mettere substrato per cactus, o uno preparato, o una miscela che hai preparato con, ad esempio torba e perlite (in vendita qui) in parti uguali. Prendi in considerazione l'altezza del "vecchio" vaso per sapere più o meno quanta terra aggiungere. Se necessario e se possibile, inserisci il cactus - senza rimuoverlo ancora dal suo "vecchio" vaso - in quello nuovo. In questo modo vedrai se è molto alto, nel qual caso dovrai rimuovere lo sporco, o molto basso.

Ariocarpus hintonii in vaso
Articolo correlato:
Come scegliere il terreno per i cactus?

Poi, devi estrarre il cactus dal suo "vecchio" vaso. Se è piccolo, puoi farlo semplicemente prendendo con una mano il vecchio vaso e con l'altra la pianta dalla base; ma se è grande e/o pesante, è meglio che lo si ricopra di cartone -uno o due strati, secondo il necessario- e lo si leghi con una corda, e lo si adagia con cura a terra, su cartone.

Infine, mettilo nel piatto nuovoe aggiungere lo sporco per completare il riempimento. Puoi annaffiare ora o aspettare qualche giorno.

Echinofossulocactus prima del trapianto
Articolo correlato:
Come trapiantare un piccolo cactus?

Pianta un cactus nel terreno

Se hai intenzione di piantare il tuo cactus nel terreno, la prima cosa che devi fare è trova il posto giusto per te. Occorre che se è di una specie che ha bisogno di sole, venga posta in luogo soleggiato purché sia ​​stata precedentemente abituata a ricevere direttamente i raggi del sole, altrimenti brucerebbe; e se è mezz'ombra o ombra, posizionarlo in aree protette. Inoltre, devi tenere conto delle dimensioni dell'adulto (altezza e larghezza) che avrà, per poterlo piantare nell'area corretta.

Frailea densispina
Articolo correlato:
È vero che tutti i cactus sono solari?

Ora devi assicurarti che il terreno nel tuo giardino sia corretto, che drena bene l'acqua e che sia leggero. Per fare questo, devi fare un buco di circa 50 x 50 centimetri in più o in meno, nel punto in cui vuoi metterlo, e riempirlo a metà con acqua. Quest'acqua deve iniziare ad essere assorbita non appena viene a contatto con la terra. Nel caso in cui vedessi che ci vuole mezz'ora o più per assorbirlo, allora dovrai migliorare il drenaggio facendo il doppio del buco e riempiendolo con uno strato di circa 40 centimetri di argilla, argilla vulcanica, o ghiaia da costruzione.

Poi, Devi aggiungere un terreno adatto per i cactus, come la torba mista al 50% di perlite, terreno di cactus di alta qualità o simili. Non riempirlo completamente, prendi in considerazione l'altezza del vaso per sapere quanta terra devi aggiungere.

Poi rimuovilo dalla pentola con cura. Se è grande e/o pesante, coprilo con del cartone e legalo con una corda per poi avvicinarlo al foro ed estrarlo in modo che quando esce non ti resta che inserirlo e sollevarlo.

Una volta dentro, finire il riempimento con il substrato. Non innaffiare per un paio di giorni.

I cactus che sono in fiore non dovrebbero essere trapiantati

Spero che tu abbia trovato facile piantare il tuo cactus.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.