Quali sono le caratteristiche dei cactus?

Echinocactus grusonii

Echinocactus grusonii

Quando entriamo per la prima volta nel mondo delle piante grasse, è molto comune che tutte sembrino più o meno uguali. Infatti pensare che una pianta sia un cactus quando in realtà è una pianta succulenta è una cosa che accade molto, molto spesso. E le cose si complicano ancora quando ti dicono che non tutti i cactus hanno spine, e non tutte le piante grasse sono innocue.

Quali sono le caratteristiche dei cactus? Come differenziarli dal resto degli esseri vegetali che troviamo in vendita nei vivai?

Origine ed evoluzione dei cactus

Pereskia aculeata

Pereskia aculeata

I cactus sono piante che appartengono alla famiglia botanica delle Cactaceae. Tutti loro sono originari dell'America, concentrata principalmente in Centro America, ma c'è un'eccezione: la Rhipsalis baccifera, che cresce spontaneamente nell'Africa tropicale.

Queste piante curiose hanno iniziato la loro evoluzione circa 80 milioni di anni fa, quando quella che oggi conosciamo come America si unì alle altre, formando così un supercontinente chiamato Pangea, che ormai era già in via di frammentazione.

I ricercatori non hanno trovato molti resti fossili, quindi al momento sono stati solo in grado di fare ipotesi. A quel tempo, in America Centrale il clima era tropicale secco, così che Si sospetta che i cactus abbiano iniziato la loro evoluzione come piante non succulente: con foglie, steli legnosi e fiori che hanno prodotto polline e semi.

Oggi possiamo farci un'idea di come dovevano essere quei primi cactus, visto che ne è pervenuto uno: quelli del genere Pereskia, considerato il genere più primitivo tra i cactus.

Quando il continente americano raggiunse la sua posizione attuale, molte aree precedentemente coperte di piante divennero gradualmente aride. Sopravvivere, i cactus sono passati dalle foglie verdi alle spine. Pertanto, il compito della fotosintesi è ricaduto sugli steli, che sono stati resi verdi, nella maggior parte dei casi, dalla clorofilla.

Quali sono le sue caratteristiche?

Echinocereus reichenbachii

Echinocereus reichenbachii

Ora che sappiamo come potrebbe essere l'evoluzione dei cactus, vediamo quali sono le loro caratteristiche; cioè, quali sono le sue parti:

areola

È il segno indicativo dei cactus. Sono si trovano nelle costole, e sono molto importanti: da esse nascono le spine, i fiori e talvolta gli steli.

Spine

In queste piante sono conosciute come spine fogliari. Sono circa formazioni acute dotate di tessuto vascolare (cioè, hanno la propria scorta di cibo). Possono essere di vario tipo: lunghi fino a 30cm, corti 1mm, spessi, molto sottili, curvi o diritti.

Molte specie di cactus hanno spine centrali, che sono le più spesse e lunghe, e quelle radiali, molto più sottili e numerose.

Flores

Sono solitari e spesso ermafroditi. I tepali sono disposti a spirale, il che li fa sembrare abbastanza simili ai petali. Questi, quando si uniscono, formano un tubo periantico. L'androceo è formato da numerosi stami, generalmente di colore giallo; e il gineceo è costituito da 3 o più carpelli (foglie modificate che contengono uno o più ovuli).

Frutta

I frutti Di solito misurano tra 1 e 5 cm di lunghezza. Una volta maturi, rimangono chiusi fino a quando non si decompongono.

semi

Sono molto molto piccolo, meno di 0,3 cm di diametro. Di solito sono neri e duri.

gambo

Il gambo è succulento, il che significa che immagazzina acqua. Si distinguono tre forme principali:

  • cladodo: il gambo è appiattito, a forma di racchetta. Esempio: Opuntia sp.
  • colonnare: i fusti sono di forma cilindrica e crescono molto eretti. Esempi: Pachycereus pringlei o Carnegiea gigantea.
  • globoso: lo stelo assume una forma sferica. Esempi: Ferocactus sp o Echinocactus grusonii.
Copiapoa talalensis

Copiapoa talalensis

Se hai dei dubbi, non lasciarli nel calamaio 😉.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Elsy estrada suddetto

    Mi sembra di aver trovato la gallina dalle uova d'oro sul tuo blog, ogni articolo è corposo per capire il mondo delle piante grasse: 3
    Grazie di tutto

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Elsy.
      Grazie mille per il tuo commento. Siamo contenti che il blog ti piaccia 🙂
      Saluti.