Come scegliere il terreno per i cactus?

Ariocarpus hintonii in vaso

Immagine - Flickr / douneika

Sai come scegliere il terreno per i cactus? Queste piante sono molto sensibili ai ristagni d'acqua, tanto che spesso basta annaffiare una o due volte perché le loro radici subiscano danni irreversibili. E, naturalmente, in molti vivai sono sempre in vendita con la torba, substrato che mantiene a lungo l'umidità, che non è il più adatto a queste piante grasse.

Quindi, se hai dubbi, non preoccuparti. Quindi Parleremo dei diversi tipi di terreno di cactus che ci sono e quale dovresti scegliere o quale miscela dovresti fare in modo che le tue piante siano ben curate.

Dove vivono i cactus?

I cactus vivono nelle zone desertiche

La stragrande maggioranza dei cactus sono piante originarie delle aree desertiche dell'America, sia del Nord, che del Centro e del Sud, anche se è vero che molte specie sono concentrate nel Nord America meridionale, con il Messico che è uno dei paesi più fortunati in questo senso. , con circa 518 endemici (dei 1400 accettati che ci siano in totale).

Quando cerchiamo su Internet foto di cactus nei loro rispettivi habitat, Ci rendiamo presto conto che praticamente tutti di solito coincidono:

  • Terreno sabbioso, con poca vegetazione
  • Clima caldo e secco
  • I cactus crescono esposti al sole

Partendo da questo, possiamo farci un'idea di quale sia il substrato o i substrati più adatti per questi esseri vegetali.

Quali sono le caratteristiche di un buon substrato per cactus?

Cactus in vaso

Affinché non ci siano problemi, o almeno nessuno legato al substrato, l'ideale è che soddisfi queste caratteristiche:

sabbioso

Ma attenzione, non la sabbia della spiaggia, poiché questa ha un'alta concentrazione di sali che brucerebbero le radici del cactus. No. Quando si parla di sabbia e cactus, ci riferiamo alla sabbia vulcanica, formatosi dopo il raffreddamento della massa fusa che fuoriesce durante l'eruzione dei vulcani.

Ne esistono di tanti tipi, come vedremo ora, ma tutti sono venduti in pezzi più o meno piccoli o in granuli, che sono molto, molto duri.

Ottimo drenaggio

Akadama

Essendo sabbioso, drena l'acqua molto velocemente. A seconda del tipo di sabbia, può essere mantenuta umida per un periodo interessante in modo che le radici assorbano l'acqua di cui hanno bisogno prima che il substrato si asciughi nuovamente.

Come fai a sapere se ha un buon drenaggio? Sto solo annaffiando 🙂. Nel caso dei cactus, è consigliabile che, non appena si inizia ad annaffiare, l'acqua inizi a fuoriuscire dai fori del vaso.

Dovrebbe essere ricco di sostanza organica?

Pomx

Le piante, in genere, hanno radici la cui funzione è chiara: assorbire l'acqua e i nutrienti in essa disciolti, quanta ne hanno bisogno. Ma quando si parla di cactus, le cose cambiano. Il motivo è il seguente: nei luoghi dove crescono naturalmente, non c'è quasi nessuna vita (animale e vegetale) che rimanga sempre nello stesso luogo.

E, naturalmente, poiché non c'è quasi nessuna vita, non c'è quasi nessuna materia organica in decomposizione. Allora, dove prendono il "cibo" di cui hanno bisogno i cactus? Dalle piogge monsoniche, chiamate piogge stagionali. Sono piogge torrenziali, cariche di minerali disciolti in esse, e che si depositano sul fondo del deserto, essendo disponibili per i cactus. Il resto dell'anno vivono con ciò che ottengono dalla fotosintesi (il processo mediante il quale la luce solare e l'anidride carbonica si trasformano in carboidrati e zuccheri).

Pertanto, il terreno dei cactus deve essere povero di sostanze nutritive, poiché con il fertilizzante regolare nella stagione di crescita che ti diamo, ne avrai più che a sufficienza.

Tipi di terreno per cactus

Nota: se ti piacciono altre piante, come i bonsai, vedrai che molti substrati comunemente usati per questi sono anche una buona opzione per i cactus.

Akadama

L'akadama È un'argilla trovata in Giappone, che ha una forma granulare e un colore marrone chiarotranne quando si bagna diventa marrone scuro. Trattiene molta umidità, quindi risulta essere perfetto per i cactus che vivono in zone molto, molto secche e vogliamo risparmiare un po' d'acqua.

L'unico inconveniente è che, essendo un'argilla, con il passare degli anni diventa polveroso, quindi in ogni trapianto è consigliabile far scorrere il substrato attraverso l'acqua, lavarlo e lasciarlo senza quella grana.

A seconda della dimensione del grano, ne esistono di diversi tipi:

  • Qualità extra standard: grano da 1 a 6 mm di spessore.
  • shohin: spessore compreso tra 1 e 4 mm. È più adatto per i cactus.
  • A grana grossa: spessore compreso tra 4 e 11 mm.

Lo vuoi? Compralo qui.

perlita

Pearlite È un cristallo molto leggero e poroso di origine vulcanica, e con la particolarità che si espande ad alte temperature. È di colore bianco, quindi riflette la luce del sole nello spazio.

In giardinaggio ha molti usi, ma per i cactus è ottimo miscelato con substrati convenzionali a base di torba, poiché migliora il drenaggio dell'acqua.

Puoi acquistarlo da qui.

Pomx

È una roccia ignea vulcanica, formatasi quando il magma si raffredda da liquido a solido. La densità è molto bassa e molto porosa e il suo colore è grigio o bianco. 

A differenza dell'akadama, innaffiando difficilmente cambia colore e trattiene poca umidità; infatti, si asciuga velocemente.

Inoltre, a seconda della dimensione del grano, ne esistono di diversi tipi:

  • Grana media: spessore compreso tra 3 e 6 mm. È il più adatto per i cactus.
  • Grana grossa: da 6 a 14 mm.

Lo vuoi? Puoi acquistarlo da qui.

Substrato universale

Il substrato universale per le piante è una miscela standard di torba, perlite, un po' di compost e a volte aggiungono anche fibra di cocco, per coltivare un'ampia varietà di piante. Hanno la particolarità che trattengono bene l'acqua e, a seconda della quantità di perlite che trasportano, vanno bene anche per i cactus.

Ci sono molti marchi, Flower, Fertiberia, Compo, Battle, ecc. Nella mia esperienza, le più consigliate per le nostre piante preferite sono il Fiore e la Fertiberia, perché anche se si seccano completamente non diventano "blocchi" di terra difficili da reidratare come gli altri. Tuttavia, aggiungere il 10-20% in più di perlite non fa mai male.

Puoi comprarlo qui.

Come fare il terreno di cactus fatto in casa?

Se volete farne uno più o meno casalingo, non vi resta che mischiare, in parti uguali, torba, terriccio da giardino e sabbia (può essere di fiume). Così cresceranno bene.

Speriamo che ora tu sappia come scegliere il substrato per i cactus.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.