File di Ferocactus emoryi

Ferocactus rectispinus

Il Ferocactus emoryi è uno dei cactus più comuni e, allo stesso tempo, più belli del mondo. Le sue spine lunghe e appuntite di un bel colore rosso attirano tutti gli sguardi, oserei addirittura dire che non tutti quegli occhi che lo osservano sono quelli degli amanti dei cactus. 😉

Sebbene non sia una pianta che potremmo etichettare come "innocua", è vero che è una pianta che si prende cura abbastanza facilmente. In effetti questo cactus è adatto ai principianti, con questo dico tutto. Ebbene, tutto... tutto... no. Il resto lo puoi leggere qui sotto.

Com'è

Ferocactus emoryi

Immagine da Desertmuseum.org

Ferocactus emoryi È un cactus originario dell'Arizona (Stati Uniti) e di Sonora, Sinaloa e Baja California Sur (Messico). È stato descritto da George Engelmanny Charles Russell Orcutt e pubblicato su Cactography nel 1926.

È una pianta con un unico fusto sferico o cilindrico di colore da verde chiaro a glauco fino a 2,5 metri di altezza per 1 metro di diametro.. Ha da 15 a 30 coste con areole, da cui si originano le spine da bianche a rossastre. La spina centrale è appiattita, diritta, ricurva e misura da 4 a 10 cm di lunghezza, e le sette-nove radiali sono lunghe fino a 6 cm. I fiori sono grandi, fino a 7 cm di diametro, e possono essere rossi, gialli, rossi o rossi con il giallo. Il frutto è ovoidale ed è lungo 5 cm.

Ci sono tre varietà:

  • Ferocactus emoryi subsp. emoryi
  • Ferocactus emoryi subsp. covillei
  • Ferocactus emoryi subsp. rettilineo

Quali sono le loro preoccupazioni?

Ferocactus rectispinus

Per prendersi cura di questo cactus correttamente sarà sufficiente con posizionarlo in una posizione soleggiata, con substrato o terreno che abbia un ottimo drenaggio e annaffiarlo pochissimo. In questo senso, bisogna sempre tenere presente che non tollera ristagni: meglio annaffiare una volta alla settimana che 3 o 4, anche se fa molto caldo, altrimenti la perderemmo.

Inoltre, è comodo andare trapiantarlo in primavera ogni 2-3 anni, e trasferirla in giardino appena diventa pericoloso toglierla dal vaso.

Resiste al freddo e al gelo fino a -4ºC.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Gustavo suddetto

    Ne ho ricevuto uno in regalo, delle dimensioni di una pallina da tennis ma sembra un po' secco dal centro in giù, è normale?

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Gustavo.
      In alcuni casi è normale, purché non sia molle, ma se è rimasto nello stesso vaso per molto tempo è segno che ha bisogno di un trapianto urgente.

  2.   Damian suddetto

    Ne ho comprato uno circa 3 mesi fa e ho cambiato il vaso è molto bello, direi che è cresciuto e adoro quelle spine rossastre.

    1.    Monica sanchez suddetto

      Buon divertimento 🙂