Selenicereus grandiflorus

Il Selenicereus grandiflorus è un cactus epifita

I cactus epifiti sono una buona opzione quando si desidera avere, ad esempio, una pianta originale sul balcone. Se produce anche fiori grandi e belli come il Selenicereus grandiflorus, è ancora più interessante. Questa specie, infatti, è molto amata dai collezionisti, proprio per la sua magnifica fioritura.

Allo stesso modo, è importante notare che la sua manutenzione non è complicata. Ed è che sebbene sia un cactus di origine tropicale, è ben adattato a vivere nelle regioni temperate calde del mondo.

Origine e caratteristiche di Selenicereus grandiflorus

Il Selenicereus grandiflorus è un cactus epifita

Immagine - Wikimedia / Pato Novoa

Il Selenicereus grandiflorus è un cactus epifita che va sotto il nome comune di regina della notte. Cresce in Messico, Centro America e Sud America, ad un'altitudine di circa 700 metri sul livello del mare. Sviluppa steli che si ramificano molto, di colore verdastro, con areole biancastre o bianco-grigiastre e spine brunastre o giallastre, che misurano da 4 a 12 millimetri.

I fiori sono bianchi, misurano tra 17 e 22 centimetri di lunghezza per un massimo di 38 centimetri di diametro., e sono fragranti, con un aroma simile a quello della vaniglia. Questi germogliano al tramonto. Il frutto è bianco-rosato, giallo o arancione, di forma ovoidale, lungo da 5 a 10 centimetri e spesso da 4 a 7 centimetri. L'altezza massima della pianta una volta matura è di 9-12 metri.

Di che cura hai bisogno?

Se vuoi avere un Selenicereus grandiflorus È importante che tu prenda in considerazione una serie di cose che spiegheremo di seguito. Questo è un cactus che, per la sua origine, non resiste al gelo a meno che non sia specifico e, soprattutto, molto debole.

Ma questo non deve essere davvero un problema, in quanto è adatto a vivere in vaso. Può essere infatti molto interessante piantarlo in un cantiere edile -con fori alla base attraverso i quali l'acqua possa fuoriuscire-, in terrazzo o patio. Vediamo a cosa servono le loro cure affinché il tuo esemplare fiorisca ogni anno:

Posizione

I fiori del Selenicereus grandiflorus sono bianchi

Immagine - Wikimedia / dafiana

Questo è un cactus che bisogno di luce, ma a differenza di altri, può essere filtrato. Nel suo habitat naturale cresce arrampicandosi su alberi e/o rocce, quindi non ha bisogno di essere illuminata direttamente dal sole.

Solo nel caso in cui lo avrai in casa, si consiglia vivamente di ottenere una lampada per piante in modo che il suo sviluppo sia adeguato. In questo modo eviterai che diventi eziolato, cioè che i suoi gambi si allunghino e si indeboliscano.

Terra

  • Vaso di fiori: come substrato per vasi è altamente consigliabile utilizzare sabbia grossolana (pomice, akadama, kiryuzuna o simili) mescolata con un po' di torba.
  • Giardino: il terreno in cui crescerà deve essere leggero e sabbioso. È importante che l'acqua drena molto bene, poiché non ama le pozzanghere. Può essere su terreni sassosi senza problemi.

irrigazione

La frequenza dell'irrigazione dipenderà da diversi fattori, tra cui la posizione e il clima. Ma è sempre importante che il terreno si asciughi tra le annaffiature, altrimenti la pianta potrebbe marcire.

Inoltre, ogni volta che vai in acqua devi inumidire tutta la terra. Lo saprai se vedrai che non appena aggiungi l'acqua questa viene assorbita e che l'acqua in eccesso esce dai fori della pentola.

Nel caso in cui sia piantato nel terreno, è necessario aggiungerlo fino a quando la terra non è ben inumidita.

Abbonato

Il gambo del selenicereus è spinoso

Immagine - Wikimedia / Sadambio

Durante la primavera e l'estate, che è quando cresce, si consiglia di pagare a Selenicereus grandiflorus con un fertilizzante di cactus. Segui le istruzioni per l'uso e ti assicurerai che abbia uno sviluppo corretto, nonché un tasso di crescita leggermente più veloce.

Moltiplicazione

Se vuoi ricevere nuove copie, è altamente consigliabile moltiplicarlo per talee. Si fa in primavera, semplicemente tagliando un pezzo, aspettando circa 7 giorni che la ferita si asciughi bene, e poi piantandola in un vaso con uno zigomo per esempio. In circa 10 giorni produrrà le sue prime radici, ma devi tenerlo nello stesso contenitore per almeno un anno, finché non avrà radicato bene.

Un altro modo per moltiplicarlo è per seme, anche in primavera anche se è possibile in estate. Questi li devi seminare in semenzai con fori, ad esempio vasi o fioriere, e con terriccio di cactus di qualità (in vendita qui). Adagiate i semi sulla superficie, senza affollarli, e spruzzateli con acqua.

Sia la talea che il semenzaio devono essere posti in mezz'ombra, senza luce solare diretta.

Parassiti e malattie

Non ne ha molti, è molto resistente. Tuttavia, è importante proteggersi dalle lumache, e non sovraccaricare per evitare infezioni fungine.

Rusticità

Gli esemplari adulti e che sono già acclimatati possono resistere fino a -1,1ºC, purché siano gelate molto puntuali e di breve durata.

Cosa ne pensi del file Selenicereus grandiflorus?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.