Echinopsis subdenudata

I fiori dell'Echinopsis subdenudata sono bianchi

Immagine - Wikimedia / Petar43

El Echinopsis subdenudata è uno dei cactus più comuni che esistono. È uno dei primi che di solito si acquista all'inizio delle collezioni, ma anche la sua manutenzione è piuttosto bassa.

Quando fiorisce è uno spettacolo meraviglioso, poiché produce grandi e bellissimi fiori bianchi. Vuoi sapere come prendertene cura?

Origine e caratteristiche di Echinopsis subdenudata

El Echinopsis subdenudata È un cactus globoso alto circa 10 centimetri, endemico della Bolivia e del Paraguay. Il suo corpo è verde scuro ed è composto da 8 a 12 costole, che hanno areole lanose.. Da questi nascono tra 3 e 7 spine radiali, e 1 centrale che misura 2 millimetri o meno; infatti, non sono sempre presenti. Con il passare degli anni, o se subisce danni, può emettere ventose.

Fiorisce in primavera e in estate. I fiori sono di forma tubolare e sono lunghi tra i 15 ei 22 centimetri. Sono generalmente bianche, ma è possibile trovare esemplari che le producono di un colore rosato-biancastro. Sfortunatamente, rimangono aperti per un giorno, anche se essendo prodotti in grandi quantità questo non è un problema.

Quali sono le cure che richiede?

L'Echinopsis subdenudata è uno dei cactus più comuni

Immagine - Wikimedia / Petar43

Questo è un cactus molto amato, ma proprio per questo dobbiamo conoscerne le esigenze, altrimenti potremmo ad esempio annaffiarlo eccessivamente, oppure utilizzare un substrato che non gli permette di crescere bene.

Quindi, vediamo come prendercene cura:

Posizione

Come ogni cactus, è meglio averlo fuori. Se non riceve la luce solare diretta, diventerà eziolato. Ciò significa che crescerà verso la luce più forte che abbia mai rilevato, restringendo sempre più il suo stelo e perdendo forza. Ricordiamo che il corpo del Echinopsis subdenudata è globulare, non colonnare. Se è eziolato, è difficile che si riprenda completamente (avrà sempre una forma "rara").

Ma attenzione, è anche molto importante evitare di esporlo al re stellato se è stato in ombra o semi-ombra per tutta la sua vita. Prima di lasciarlo esposto tutto il giorno, devi abituarti un po' alla volta. Ad esempio, puoi lasciarlo al sole per un'ora la mattina presto per una settimana e aumentare gradualmente il tempo di esposizione.

Quando tenere in casa?

Sebbene la pianta resista a gelate fredde e deboli, ha difficoltà quando cade la grandine, per non parlare della neve. Per questa ragione, Se nella vostra zona le temperature scendono a 0 gradi è consigliabile, almeno, proteggerlo con tessuto antigelo (in vendita qui); e se scendono ancora di più, allora devi metterlo in una serra (in vendita qui) o al chiuso.

Nel caso in cui opti per quest'ultima opzione, deve essere in una stanza dove c'è molta chiarezza. Inoltre, non dovrebbero esserci bozze.

irrigazione

L'irrigazione sarà generalmente bassa. È necessario annaffiare quando la terra si è completamente asciugata. Per darvi un'idea, in estate di solito sono 1 o 2 volte a settimana, e in inverno una volta ogni 15-20 giorni circa (dipende molto dal clima, dal tipo di terreno e dalla posizione).

Indipendentemente da quando devi annaffiare, ogni volta che lo fai devi aggiungere acqua fino a quando il terreno non è ben inzuppato. Se è in vaso, dovrebbe uscire dai fori di drenaggio. Certo: non innaffiare quando è alla luce diretta del sole, altrimenti brucerebbe.

Terra

Echinopsis subdenudata fiorisce in primavera

Immagine - Wikimedia / Petar43

  • Vaso di fiori: devi riempirlo con substrato di cactus cioè di qualità (in vendita qui), o con una miscela di torba con perlite in parti uguali, o con pomice.
  • Giardino: il terreno deve avere un ottimo drenaggio; inoltre è importante che sia leggera in modo che le radici siano adeguatamente ossigenate.

Abbonato

In primavera e in estate si consiglia vivamente di pagarlo. Usa per loro fertilizzanti per cactus (in vendita qui) in modo che non manchi di sostanze nutritive, seguendo le istruzioni del produttore.

Quando ne aggiungi più del necessario, si verifica un sovradosaggio, che danneggia le radici e quindi anche la pianta.

Moltiplicazione

El Echinopsis subdenudata si moltiplica per seme, e talvolta anche per polloni. Questo viene fatto in primavera o in estate come segue:

  • semi: si piantano in vasi o vaschette forate con terriccio di cactus di qualità precedentemente innaffiato, e si pongono all'aperto, in pieno sole o in una zona con molta luce. È importante che non vengano accatastati, in questo modo potranno crescere senza problemi. Se tutto va bene, germoglieranno in circa 20 giorni.
  • Giovane: i polloni possono essere separati dalla madre quando misurano almeno 1 centimetro, utilizzando un coltello seghettato preventivamente disinfettato con acqua e sapone per i piatti. Successivamente si lasciano in luogo asciutto con luce (non diretta) per un paio di giorni, ed infine si piantano in vasi singoli con terriccio di cactus.

Rusticità

Te lo posso dire resistente fino a -1,5ºC senza subire danni, ma come abbiamo accennato sopra, se nella tua zona sotto 0 gradi l'ideale è averlo dentro casa.

Cosa ne pensi del file Echinopsis subdenudata?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.