Mandacaru (Cereus jamacaru)

Il Cereus jamacaru è un grande cactus

Immagine - Wikimedia / Josenildo Bezerra da Silva

El Cereus Giamacarù È un cactus molto particolare, poiché non è quello tipico che troveremmo in una regione quasi sempre secca. Sebbene non ami avere le radici impregnate d'acqua, non è uno di quelli che possono sopportare lunghi periodi di siccità come gli altri. Ma questo, quando si parla di questo tipo di pianta, porta un piccolo inconveniente come compagno: ha bisogno di protezione contro il gelo.

Ed è che i cactus che vivono nelle stesse condizioni del nostro protagonista non si sono evoluti per resistere alle basse temperature poiché non ce ne sono nei loro habitat naturali. Per questa ragione, prendersi cura di un Cereus Giamacarù potrebbe non essere così facile come potresti pensare.

Origine e caratteristiche di Cereus Giamacarù

Il Cereus jamacaru è un cactus arboreo

Immagine - Wikimedia / Siam 07

È un cactus colonnare endemico del Brasile, nello specifico lo troviamo, tra gli altri stati brasiliani, a Rio Grande do Norte, Bahia, Minas Gerais e Pernambuco. Riceve il nome comune di mandacaru, ed è una pianta che con il passare del tempo arriva fino a 9 metri di altezza. Gli steli sono piuttosto sottili, non più di 15 centimetri, sebbene il tronco principale superi i 40 centimetri.

È una pianta spinosa. Ha da 5 a 7 spine radiali lunghe 1,5 centimetri e da 2 a 4 spine centrali lunghe da 8 a 20 centimetri. I fiori compaiono solo su esemplari maturi e sono lunghi fino a 25 centimetri.. Sono di colore bianco, e quando impollinate producono un frutto rossastro lungo circa 10 centimetri che contiene numerosi piccoli semi.

Prendersi cura di Cereus Giamacarù

Il mandacaru è una pianta interessante da avere in giardino. Ha un rapido tasso di crescita quando il clima è caldo e durante la stagione della fioritura si riempie di fiori. Anche se è vero che dovremo proteggerlo in caso di gelate, il resto dell'anno crescerà molto bene all'esterno.

Inoltre, di solito non ha gravi problemi o malattie dei parassiti. Ma attenzione: questo non significa che non puoi averli. Ed è che se annaffiamo più del necessario, o se il terreno è molto compatto e non lascia passare l'acqua, i funghi patogeni potrebbero causare seri problemi. Dunque, vediamo come si prende cura:

Clima

Ti piacerebbe averlo fuori tutto l'anno? Se è così, tieni presente che idealmente, non dovrebbe scendere al di sotto di 0 gradi. È possibile che gli esemplari adulti e acclimatati possano sopportare gelate deboli e sporadiche fino a -2ºC, ma si sconsiglia di esporlo a quelle temperature senza protezione.

Posizione

Il Cereus jamacaru è tropicale

Immagine - Wikimedia / Siam 07

  • Esterno: starà bene in un giardino roccioso per esempio, o in un vaso, ma sempre in una zona soleggiata, o comunque dove c'è molta luce.
  • Interno: se ce l'hai in casa, troverai una stanza con molta luce; cioè uno che sta bene durante il giorno senza la necessità di accendere una lampada.

Terreno o substrato

  • Giardino: è importante che il terreno sia sabbioso e leggero. In questo modo il drenaggio sarà corretto per il Cereus Giamacarù.
  • Vaso di fiori: riempirlo con una miscela di parti uguali di torba nera e perlite. Un'alternativa potrebbe essere substrato di cactus, ma deve essere di alta qualità (come è).

irrigazione

L'irrigazione sarà scarsa, ma qualcosa di più frequente di quello che daremmo a un altro cactus. Vale a dire, in primavera, e soprattutto in estate, la innaffieremo una volta alla settimana. Se è il caso che ci sia una previsione di pioggia o che piova quando dobbiamo annaffiarla, non la innaffieremo perché con l'acqua piovana ne avrà più che a sufficienza.

Se hai intenzione di coltivarlo in un vaso, non è una buona idea metterci un piatto sotto. Pensa che quando innaffi, l'acqua scenderà e rimarrà nel piatto. Se non vengono rimosse, le radici marciranno nel tempo e moriranno.

Abbonato

L'abbonato di Cereus Giamacarù si farà per tutta la primavera e l'estate. Usa un fertilizzante per cactus, preferibilmente liquido (come è), dopo aver letto le istruzioni sulla confezione, poiché è importante non superare la dose consigliata poiché metterebbe a rischio la pianta.

Moltiplicazione

Si moltiplica per semi e talee. Il momento giusto è la primavera, una volta che si è affermata e il freddo si è lasciato alle spalle.

  • semi: i semi del mandacaru sono molto piccoli, quindi vanno seminati in vasi con terriccio per cactus, cercando di non interrarli troppo. In effetti, è meglio metterli sulla superficie del substrato e versarvi sopra un po' di substrato. Metti il ​​semenzaio all'esterno, in una zona luminosa, e mantieni il terreno umido.
  • Talee: verranno tagliati pezzi di almeno 30 centimetri. Successivamente verranno lasciate ad asciugare in mezz'ombra per una settimana, ed infine verranno piantate in vasi del diametro di circa 20 centimetri, con parti uguali di torba mista a perlite.

trapianto

Il Cereus jamacaru è una pianta spinosa

Immagine - Wikimedia / Marcelo Silva de Carvalho Delfino

Se vuoi piantarlo in giardino, fallo quando ha finito di radicare nel piatto, cioè quando le radici escono dai fori di drenaggio e quando è primavera.

In caso di averlo in vaso, il Cereus jamacaru ne avrà bisogno di uno più grande ogni 2 o 3 anni.

Parassiti e malattie

È robusto, ma potrebbe avere cocciniglie sugli steli, afidi nei boccioli dei fiori, o anche funghi come la phytophthora o il roya. Per questo motivo è necessario che sia ben annaffiato e concimato, in quanto ciò ridurrà al minimo il rischio di ritrovarsene un po'.

Rusticità

Non sopporta il gelo.

Cosa ne pensi del file Cereus Giamacarù?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.