Cardone gigante (Pachycereus pringlei)

Vista di Pachycereus pringlei in habitat

Immagine - Wikimedia /Tomascastelazo

El Pachycereus pringlei È uno dei cactus colonnari più facili da curare e anche uno dei più simili alla Carnegiea gigantea (saguaro). Infatti non è raro confonderli quando sono adulti, ma quando sono giovani… da giovani è un'altra storia 🙂.

La sua velocità di crescita non è che sia molto alta, ma è una pianta che vedrai più grande di anno in anno. Ma è anche che resiste alle gelate deboli senza danneggiarsi, ecco perché È una specie dei più interessanti per i giardini xero.

Origine e caratteristiche di Pachycereus pringlei

Conosciuto come cardón, cardón gigante o saguesa, questo è un cactus endemico della Baja California e Sonora in Messico, così come nel nord dell'Argentina. Il suo nome scientifico è Pachycereus pringlei, dal nome di Sereno Watson, Nathaniel Lord Britton e Joseph Nelson Rose nel 1987 in onore di Cyrus Pringlei.

Può raggiungere un'altezza di 19 metri, con un tronco fino a 1 metro di diametro., anche se la cosa normale è che in coltivazione non superi i 6-7 metri di altezza. I suoi fusti crescono quasi completamente diritti, e sono composti da nervature molto marcate alle estremità delle quali hanno areole, che sono grandi, ovali e hanno una corta lanugine bruno grigiastra. Le spine nascono dalle areole in numero di 20, e sono rossastre o bruno-scure virando al grigiastre; quelli radiali misurano tra 2 e 3 cm di lunghezza, e quelli centrali (1 o 2) misurano fino a 5 centimetri e sono più forti.

Fiorisce in estate, ma solo se l'esemplare è alto almeno 3-4 metri. I fiori sono a forma di imbuto e misurano da 5 a 8,5 cm di lunghezza. Sono rossi all'esterno e biancastri all'interno. Germogliano dalla parte superiore del cactus, ma possono anche germogliare dagli steli inferiori.

Quali sono le loro preoccupazioni?

Le spine del Pachycereus pringlei sono lunghe

Immagine - Wikimedia / Krzysztof Golik

Posizione

El Pachycereus pringlei deve essere fuori, in pieno sole. Ora, negli asili nido di solito si tiene in mezz'ombra, soprattutto se è giovane, quindi non esitate a metterlo un po' al riparo dal re stellato e abituatevi a poco a poco. In questo modo eviterai che bruci.

Terra

  • Vaso di fiori: deve essere poroso per un buon drenaggio. Mescola il substrato universale con perlite in parti uguali, ma se riesci a ottenere la pomice (in vendita qui), akadama (in vendita qui), o meglio anche ghiaia fine (1-3 mm).
  • Giardino: lo stesso. Se il terreno tende a compattarsi, praticare una buca di circa 50 cm x 50 cm (idealmente 1 m x 1 m) e riempirla con i substrati sopra menzionati.

irrigazione

si tratta piuttosto di scarsa. È un cactus che teme i ristagni d'acqua, motivo per cui il terreno o il substrato devono essere lasciati asciugare completamente prima di annaffiare di nuovo.

Se lo hai in una pentola, assicurati che abbia i fori di drenaggio. Se hai un piatto sotto, rimuovi l'acqua in eccesso 30 minuti dopo l'irrigazione per evitare che le radici marciscano.

Articolo correlato:
Come faccio a sapere se il mio cactus sta marcendo?

Quando innaffi, non bagnare il cactus, ma solo il terreno.

Abbonato

Si consiglia vivamente di pagarlo dall'inizio della primavera alla fine dell'estate con fertilizzanti per cactus (in vendita qui) seguendo le indicazioni riportate sulla confezione.

Moltiplicazione

Il cardone gigante si moltiplica per seme e per talea in primavera-estate. Facci sapere come procedere in ogni caso:

semi

Vista del frutto di Pachycereus pringlei

Immagine - Wikimedia / The Photographer

I semi dei cactus sono molto piccoli e quelli di questa specie non fanno eccezione. Per evitare di perderli, consigliamo che siano all'interno di un locale chiuso in modo che il vento non possa portarli con sé. Dopo, devi solo seguire questo passo dopo passo:

  1. Per prima cosa, riempi il vaso con un substrato universale (in vendita qui) con perlite (in vendita qui) in parti uguali.
  2. Acqua coscienziosamente.
  3. Quindi seminare i semi, cercando di non fare mucchi.
  4. Infine ricopriteli con uno strato sottile di substrato e innaffiate ancora questa volta con uno spruzzatore.

Ora dovrai solo posizionare il vaso all'esterno, in mezz'ombra, e mantenere il substrato umido ma non allagato. Così germoglieranno in circa 15 giorni.

Talee

È il modo più veloce per ottenere una nuova copia di Pachycereus pringlei. Per questo, quello che si fa è tagliare un pezzo di circa 30 cm, lasciare asciugare la ferita per circa 7-10 giorni, e poi piantarla (non inchiodarlo) in una pentola con una guancia o simili.

Puoi impregnare la base delle talee con ormoni radicanti (in vendita Nessun prodotto trovato.) prima di piantare per aiutarlo a radicare più velocemente, ma non è necessario.

Parassiti e malattie

Potresti pensare che con quelle spine che ha, non ha nemici, ma ce l'ha. Deve essere protetto da lumache e lumache, così come l'irrigazione eccessiva.

Per respingere i molluschi puoi usare farina fossile (in vendita qui), invece, per evitare quest'ultima, bisogna controllare molto le annaffiature, lasciare asciugare il terreno e, nel dubbio, controllare l'umidità del substrato.

Rusticità

Veduta del Pachycereus pringlei

Resiste a gelate deboli fino a -3ºC, purché di breve durata e puntuali.

Cosa ne pensi del file Pachycereus pringlei?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.