Quando trapiantare i cactus?

La mammillaria prolifera

La mammillaria prolifera

Ogni volta che andiamo in un vivaio, è facile per il nostro inconscio - o forse cosciente 😉 - portarci nella sezione di alcune bellissime piante che normalmente vediamo con le spine che vengono coltivate in mini vasi di appena 5,5 cm di diametro. Vendendoli così, i vivaisti possono metterci dei prezzi bassi, facendo in modo che più di uno e più di due prendano più piante di quelle che avevamo in mente.

Ma cosa facciamo una volta arrivati ​​a casa? Li lasciamo in quei vasi per anni e anni pensando, forse, che possano sopravvivere così per sempre, il che non è vero. Così, Quando trapiantare i cactus?

I cactus appena acquistati devono essere cambiati vaso. Questo primo trapianto è molto importante, poiché è molto probabile che sia stato nello stesso mini vaso per 3, 4 o 5 anni, forse di più a seconda del tasso di crescita che ha. Anche se lo hanno pagato regolarmente, le radici di solito hanno occupato tutto lo spazio che avevano a disposizione e le piante semplicemente non possono continuare a crescere.

A volte capita che, non avendo più spazio, crescano in modi che non dovrebbero. Ad esempio, un Ferocactus sano può iniziare a crescere colonnare, quando la sua forma naturale è quella di un globo; colonnare, come Pachycereus pringleiPossono essere molto magri e piccoli, e quelli che tendono ad avere molte ventose o "braccialetti", come la Rebutia, possono rimanere con un solo corpo carnoso.

Lobivia aracnacantha

Lobivia aracnacantha

Ma anche sarà molto importante trapiantarli nuovamente ogni volta che vediamo che le radici fuoriescono dai fori di drenaggio, oppure quando il cactus è cresciuto così tanto da aver occupato l'intero vaso. La domanda è: a che ora devi cambiare il contenitore?

In primavera, subito dopo che è passato il rischio di gelate (può essere marzo, aprile o maggio a seconda del tempo nella nostra zona). Possiamo farlo anche in estate se siamo andati a fare la spesa in quella stagione, ma solo se non è in fiore, altrimenti i fiori potrebbero abortire e appassire prima del tempo.

Se hai dei dubbi, non lasciarli nel calamaio. Domanda .


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Carolina suddetto

    Il terreno per il cactus deve essere composto e sabbia o perle? Devi mescolare bene e posizionare il cactus nel nuovo vaso? I miei vasi per cactus hanno un solo foro di meno di 1 cm di diametro, dovrei farne di più? I vasi sono n. 12 di argilla. Grazie!!!

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Caroline.
      Puoi usare parti uguali di pacciame misto a perlite o sabbia di fiume. Sia la perlite che la sabbia di fiume consentiranno alle radici di svilupparsi bene. Puoi anche usare la pomice, che è una specie di sabbia vulcanica simile alla ghiaia.
      Per quanto riguarda i vasi, per un drenaggio ancora migliore si può mettere un primo strato di argilla espansa. Questo eviterà anche che lo sporco fuoriesca dal foro.
      Grazie mille per il tuo commento, il primo del blog 🙂
      Saluti.