Ilocereo

Il fiore di Hylocereus è grande e bianco

I cactus del genere Hylocereus si caratterizzano per essere piante di buone dimensioni, oltre a produrre fiori di straordinaria bellezza. Pur essendo purtroppo notturni, vale la pena restare alzati a contemplarli, visto che restano aperti anche per pochissimo tempo poiché chiudono all'alba.

La sua manutenzione è davvero semplice. Per mia esperienza, posso dirti che è uno dei cactus che resiste meglio alla siccità. E non parlo della siccità che dura giorni, se non di quella che dura mesi. Ce n'è uno nel mio giardino e non viene mai annaffiato, nonostante piova relativamente poco (cadono circa 350 mm di precipitazioni all'anno). Per tutto questo, Hylocereus sono ideali per chi cerca piante facili.

Origine e caratteristiche dell'Hylocereus

I nostri protagonisti sono cactus autoctoni del Messico, del Centro America e della parte settentrionale del Sud America che raggiungono un'altezza fino a 10 metri. Sviluppano fusti con nervature ai margini delle quali troveremo areole. Di questi, spesso spine spuntano più o meno corte a seconda della specie, così come i loro grandi fiori profumati che può misurare fino a 30 centimetri di diametro.

I frutti che producono sono bacche lunghe da 7 a 14 centimetri e larghe da 5 a 9 centimetri., e hanno polpa bianca o rossa. Questi sono adatti al consumo umano e il loro sapore è dolce. Il più noto è senza dubbio quello della pitahaya (Hylocereus undato), che è quello più coltivato nelle regioni temperate come la Spagna.

Specie principali

È difficile catalogarli, poiché ne esistono molte varietà, e come se non bastasse hanno molte somiglianze con il Selenicereus. Ma non preoccuparti. Successivamente parleremo delle specie più conosciute:

Hylocereus costaricensis

Hylocereus costaricensis è un cactus semiepifita

Immagine - Wikimedia / David J. Stang

È conosciuta come la pitaya del Costa Rica, sebbene cresca anche in Venezuela e Colombia. I suoi steli sono triangolari e misurano fino a quattro pollici di spessore. I fiori sono bianchi, molto profumati, e hanno un diametro compreso tra 22 e 30 centimetri. Il frutto è una bacca ovale o globosa di colore magenta che presenta una polpa viola.

Hylocereus megalanthus

La pitahaya gialla ha frutti gialli

Immagine - Flickr / Andreas Kay

Conosciuto semplicemente come pitahaya, è un cactus endemico dell'America tropicale, dove vive in luoghi come la Repubblica Dominicana, il Venezuela o l'Ecuador. È la specie Hylocereus che produce i fiori più grandi: fino a 38 centimetri. Inoltre ha un'altra caratteristica molto interessante e cioè quella di produrre frutti gialli.

Hylocereus monacanto

Hylocereus monacanthus è un cactus a fiore bianco

Immagine - Flickr / Andrew Kass

Questa è una specie originaria dell'America tropicale, in particolare Costa Rica, Panama e Venezuela. Come l'altro Hylocereus, cresce come un arbusto con fusti striscianti o pendenti. I fiori sono bianchi e misurano fino a 17 centimetri di diametro..

Hylocereus undato

Il pitahaya è il più comune

La pitahaya è un cactus originario dell'America Centrale che cresce normalmente come arbusto semiepifita, anche se può essere rampicante se munito di un supporto su cui arrampicarsi. Gli steli sono verdi, e fiori bianchi con tepali verdastri spuntano dalle loro areole. Il frutto è una bacca rossa o gialla che misura fino a 12 centimetri di diametro.

Hylocereus triangolare (è ora Hylocereus trigono)

Hylocereus triangularis sono cactus a fiore grande

Immagine - Wikimedia / Richard C. Hoyer, WINGS

Conosciuto come il fiore del calice, è un cactus endemico delle Isole Vergini (nelle Piccole Antille) e di Porto Rico. Cresce come rampicante fino a 10 metri, e È una pianta che produce fiori bianchi di circa 25 centimetri. I frutti sono bacche dalla forma allungata, fino a 5 centimetri di diametro e lunghe fino a 10 centimetri.

Hylocereus cura

Se vuoi coltivare il tuo Hylocereus, ti spiegheremo tutto ciò che devi sapere per farli crescere sani:

Posizione

Sono cactus che hanno bisogno di molta luce, quindi è consigliabile che vengano coltivate all'aperto. Sarebbe meglio averli a casa solo se si registrano gelate in inverno, poiché possono causare loro molti danni.

Terreno o substrato

  • Vaso di fiori: Se hai intenzione di coltivarli in vaso, usa substrati che drenano bene l'acqua. È importante che siano leggeri, e che non abbiano la tendenza a compattarsi, poiché questi cactus non resistono all'eccessiva umidità. Per questo motivo, una buona opzione è la torba mista a perlite (in vendita qui) in parti uguali. Inoltre, dovresti scegliere un contenitore che abbia dei buchi nella sua base.
  • Giardino: è anche necessario che la terra assorba rapidamente l'acqua. Pertanto, non dovrebbero essere piantati in terreni molto pesanti, a meno che non venga praticato un foro di almeno 1 x 1 metro e sia riempito con una pomice (in vendita qui) ad esempio, che è un substrato poroso e ideale affinché le radici rimangano sempre ben aerate.

irrigazione

L'irrigazione deve essere piuttosto scarsa. Sebbene siano cactus tropicali, sono comunque piante che immagazzinano acqua nei loro steli, qualcosa che li aiuta a superare la siccità che può verificarsi nel loro habitat naturale. Dunque, se vengono coltivate in giardino, necessitano di essere annaffiate solo saltuariamente.

Certo, la situazione è diversa se viene conservata in un vaso. In questo caso andrà annaffiato almeno una o due volte a settimana per mantenersi idratato.

Abbonato

Poiché gli Hylocereus producono frutti commestibili, è preferibile pagarli con fertilizzanti organici piuttosto che prodotti chimici, come il guano (in vendita qui) o letame in primavera ed estate. Così, è anche possibile migliorare le proprietà del terreno, o del substrato, a seconda che venga coltivato in giardino o in vaso.

Moltiplicazione

Hylocereus si moltiplica per semi o talee

Immagine - Wikimedia / Anne Jea.

Sono cactus che moltiplicare bene per talea in primavera. Questi vengono tagliati, lasciati asciugare per una settimana in un'area protetta e poi piantati in un vaso con terra di cactus. Se tutto va bene, vedremo che attecchisce dopo circa 15-17 giorni.

Un altro modo per ottenere nuove piante è seminare i semi, anche in primavera. Ma devi tenere presente che affinché i tuoi Hylocereus diano frutti, che sono quelli che li contengono, deve esserci un altro esemplare in fiore affinché avvenga l'impollinazione.

Un'alternativa è comprare semi e piantarli in vasi con substrato per piantine. Quindi vengono poste in mezz'ombra, e il substrato viene mantenuto umido in modo che germoglino in circa 20 giorni.

Rusticità

Dipenderà molto dalla specie, ma in generale non è consigliabile esporli a temperature inferiori a 0 gradi. Il Hylocereus undato Sì, può resistere fino a -2ºC, purché sia ​​un po' riparata dal vento e ci siano gelate occasionali.

Usi dell'Hylocereus

Queste sono piante dal grande valore ornamentale, che possono essere coltivate in vaso o in giardino. Poiché hanno un portamento arbustivo o strisciante a seconda che abbiano o meno un supporto, hanno un bell'aspetto, ad esempio, coprendo tralicci o pareti.

Sebbene ovviamente, il suo uso più diffuso è senza dubbio commestibile. La pitahaya è ricca di acqua, e di minerali importanti come ferro, fosforo o calcio, oltre che di vitamine B, C ed E. Pertanto, è ideale per dissetarsi ma anche per alleviare i sintomi di alcune malattie, come l'anemia.

Dove comprare?

Se vuoi una pianta, puoi prenderla qui.

E tu, hai qualche Hylocereus?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.