Mammillaria

Veduta di un esemplare di Mammillaria tayloriorum

Mammillaria tayloriorum

Parlare di Mammillaria sta parlando di uno dei generi di cactus più diversificati, con non più e non meno di circa 350 specie e varietà accettate. La cosa più interessante è che, non solo producono fiori molto vistosi, ma sono praticamente tutti adatti alla coltivazione in vaso.

E non so dirti se quest'ultima è una fortuna o una disgrazia, perché, davvero, ce ne sono tutte molto, molto belle. Conoscerli.

Origine e caratteristiche

Veduta delle spine di Mamillaria

I Mammillaria sono cactus tubercolari originari del Messico, degli Stati Uniti meridionali, delle Antille e delle coste del Venezuela. Il genere è stato descritto da Carlos Linnaeus nel suo libro Cactus mammillaris nel 1753, e Sono caratterizzati dall'avere una forma globosa o cilindrica con una dimensione che varia da 1 a 40 cm di altezza per 1 a 20 cm di diametro. 

Non hanno nervature come gli altri cactus, ma piuttosto hanno tubercoli conici, cilindrici, piramidali o rotondi che vengono chiamati mamilas. Le spine, lunghe o corte, dritte o uncinate, spuntano dalle areole, che possono essere ricoperte da lana o setole.

I fiori spuntano solitamente lungo il corpo del cactus, quasi a voler formare una corona, e sono piccoli, con colori che vanno dal bianco al rosa al rosso. E il frutto è una bacca rossa, verde o bianca, globosa o allungata, contenente semi marroni o neri di 1-3 mm.

Specie principali

Scrivere delle oltre 300 specie che ci sono ci darebbe un libro 🙂, quindi ti dirò quali sono le più popolari:

Mammillaria bombycina

Veduta della Mammillaria bombycina

È endemico di Aguascalientes e Jalisco in Messico. Il suo corpo è globoso, con un'altezza di 20 cm e un diametro di 6cm. Dalle areole spuntano da 30 a 40 spine radiali, rigide e sottili, e una spina centrale rossastra a forma di uncino. I fiori sono rosa, di circa 2 cm di diametro. Di solito forma gruppi.

Mammillaria gracilis

Veduta della Mammillaria gracilis o vetula

Ora si chiama Mammillaria vetula. È endemico negli stati di Guanajuato, Hidalgo e Querétaro in Messico. I suoi steli sono sferici o cilindrici, di colore verde e con un'altezza di circa 10 cm per 2 cm di diametro.. Le areole sono ricoperte da un po' di lana, o potrebbero non averne affatto. Da loro di solito spuntano 1-2 spine acuminate lunghe fino a 10 mm e 11-25 spine radiali, fini e lunghe 3-10 mm. I fiori sono color limone e misurano 1,7 cm. Cresce in gruppi.

Vedi il file.

Mammillaria hahniana

Veduta della Mammillaria hahniana

È endemico dello stato di Guanajuato, Querétaro e Tamaulipas in Messico. Ha un corpo globoso e di solito forma gruppi. Ogni singolo stelo raggiunge i 9 cm di altezza per 10 cm di diametro. Da ogni areola spuntano da 20 a 30 spine radiali lunghe 1,5 cm che sembrano peli bianchi e da 1 a 4 spine più corte e biancastre. I fiori hanno un diametro massimo di 2 cm e sono viola.

Vedi il file.

Mammillaria elongata

Vista della Mammillaria elongata

È endemico dello stato di Hidalgo, Guanajuato e Querétaro in Messico. Cresce sviluppando fusti più o meno cilindrici eretti o semiprostrati di 6-15 cm di lunghezza per 1,5-3,7 cm di diametro.. Hanno un corpo verde, ma le spine sono di colore giallo-arancio o giallo-rossastro. I suoi fiori sono minuscoli, appena 1 cm, gialli o bianchi. Forma gruppi.

Quali sono le loro preoccupazioni?

Se vuoi avere una copia, ti consigliamo di prendertene cura come segue:

Posizione

Sono piante che devono esserlo fuori, sotto il sole diretto. Ma attenzione, se non è mai stato così, abituatevi poco a poco e gradualmente per evitare che si bruci.

Terra

  • Vaso di fiori: non troppo impegnativo; Ora, se hai sabbia vulcanica (pomx, akadama o simili) ti costerà meno radicare che se avesse torba. Ma se non riesci a ottenerlo, mescola il terreno di coltura universale con perlite in parti uguali.
  • Giardino: cresce in terreni sabbiosi, con buon drenaggio. Essendo la pianta piuttosto piccola, se il terreno che avete non è così, fate una buca di circa 40 x 40 cm, coprite i lati e la base con una rete ombreggiante e poi riempitela con il substrato sopra citato.

irrigazione

Veduta di un esemplare in fiore di Mammillaria swinglei

Mammillaria swinglei

Da moderato a basso. Durante l'estate devi annaffiarlo in media 2 volte a settimana e il resto dell'anno in media 1 volta ogni 10 giorni. Ma dovresti vederlo come una linea guida, mai come una regola fissa, perché se, ad esempio, vivi in ​​una zona dove non piove molto e fa anche molto caldo, potresti dover annaffiare fino a 3 volte in estate e fino a 2 il resto. .

Affinché non ci siano problemi, controlla l'umidità del terreno prima di annaffiare. Questo può essere fatto introducendo un sottile bastoncino di legno (se quando lo estrai esce con molto terriccio aderente, non innaffiare), oppure pesando il vaso una volta innaffiato e ancora dopo qualche giorno (questa differenza di peso aiuterà sai quando innaffiare).

E a proposito, non piantarlo mai in contenitori senza buchi o metterci un piatto sotto, perché così facendo marcirà. Né dovresti annaffiarlo sopra la testa, per lo stesso motivo e anche perché potrebbe bruciare con il sole.

Abbonato

In primavera e in estate con un fertilizzante specifico per cactus, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione. Puoi anche con fertilizzanti chimici, come il nitrofosco blu, aggiungendo uno o due cucchiaini ogni 15 giorni.

Moltiplicazione

La Mammillaria moltiplicarsi per seme e, in alcune specie, per separazione dei fusti in primavera-estate. Facci sapere come procedere in ogni caso:

semi

Il passo dopo passo da seguire è il seguente:

  1. Per prima cosa, riempi un vassoio con dei fori - piccoli - con torba nera mista a perlite, e inumidiscilo con uno spruzzatore/atomizzatore.
  2. Quindi, semina i semi in superficie, assicurandoti che siano leggermente separati.
  3. Quindi coprirli con sabbia vulcanica a grana molto fine.
  4. FACOLTATIVO (anche se consigliato): cospargete ora di zolfo in polvere, come se si stesse aggiungendo sale a un'insalata, evitando così la comparsa di funghi.
  5. Posizionare infine la teglia vicino a una fonte di calore e in una zona luminosa ma protetta dal sole diretto.

Mantenendo il substrato sempre umido - non impregnato d'acqua - germineranno in circa due settimane.

Talee

Per moltiplicare la Mammillaria separando i gambi, dovete semplicemente tagliarne uno con un coltello seghettato preventivamente disinfettato con alcool di farmacia, lasciare asciugare la ferita in mezz'ombra per una settimana e poi piantarla in un vaso con sabbia vulcanica che inumidiremo con uno spruzzatore.

Proteggendolo dalla luce solare diretta, emetterà le proprie radici dopo circa 2 o 3 settimane.

Parassiti e malattie

Può essere influenzato da:

  • Cocciniglie: per lo più cotonosi, ma possono essere di tipo patella. Si combattono con farina fossile (la dose è 35g per 5l d'acqua), oppure con insetticidi specifici.
  • Molluschi (lumache e lumache): questi animaletti se ne fregano delle spine. Nella stagione delle piogge sembrano nutrirsi di tutto ciò che possono, compresi i cactus. Si combattono con molluschicidi, birra oppure prendendoli e portandoli il più lontano possibile dalle piante.
    Un'altra opzione è proteggere queste colture con zanzariere (sia dai lati che dall'alto, come se fosse una specie di serra).
  • Funghi: Quando sono troppo annaffiate le radici marciscono e gli steli si ammorbidiscono. Devi controllare i rischi e trattare con fungicidi.

Tempo di semina o trapianto

In primavera. In caso di averlo in vaso, trapiantare ogni due o tre anni.

Rusticità

Dipende molto dalla specie, ma per esperienza ti dirò che le gelate deboli (fino a -2ºC) non le danneggiano purché siano brevi e puntuali.

Veduta della Mammillaria backebergiana

Mammillaria backebergiana

Cosa ne pensi della Mammillaria?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

8 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   ALICIA suddetto

    Ciao, sono felice, amo i cactus e ne ho alcuni di questa specie e non sapevo come prendermi cura di loro... Ora con il tuo aiuto diventeranno più belli —–
    GRAZIE

    1.    Monica sanchez suddetto

      Siamo felici di sapere che il blog ti è utile, Alicia 🙂

  2.   Margherita suddetto

    Il tuo blog è molto buono. Ho una Mammillaria che ha partorito dei figli cresciuti nel suo corpo. Ne sono usciti tre e ne ho tirato fuori uno per vedere se riesce a fare il root. Vorrei poterti inviare una foto ma non so come fare. Non conosco la specie di questa Mammillaria che ho. Non ho potuto trovarlo. È simile a M.backebergiana ma ha solo da 6 a 8 spine per mammilla.

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Margie o Ciao Margarite.

      Puoi inviarci una foto attraverso il nostro profilo Facebook 🙂

      Saluti!

  3.   Josefina suddetto

    Ciao, lo adoro! Ne ho parecchie di queste bellezze, ma ce n'è una che non riesco a identificare... Assomiglia molto alla mammillaria bombycina ma le spine rosse non finiscono ad uncino, sono dritte. Grazie ?

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Josefina.

      Se vuoi puoi inviarci un'immagine al nostro Facebook, così possiamo aiutarti meglio.

      Saluti!

  4.   García suddetto

    Ayudaaaa Penso che fosse molta acqua e inizia a marcire. Cosa faccio?? 🙁

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Garcia.

      Bisogna toglierlo dal vaso e lasciare asciugare il terriccio, in un luogo riparato.
      Dopo un giorno o due, piantalo di nuovo in un vaso pulito con nuovo terreno e annaffia solo quando vedi che il terreno è umido.

      qui Hai maggiori informazioni

      Saluti.